Esce finalmente nelle sale italiane, anche se solo per un giorno, il lungometraggio dedicato a Robert Mapplethorpe (New York, 1946 – Boston, 1989), una delle figure più controverse e affascinanti del mondo della fotografia contemporanea. I temi scabrosi che ha scelto di rappresentare (sesso, omosessualità, feticismo) hanno sempre posto l’attenzione sull’aspetto “scandaloso” delle sue immagini, ma Mapplethorpe ha saputo portare il suo sguardo aldilà dell’elemento scioccante o vouyeristico. La sua fotografia è riuscita a raccontare l’universo della sessualità contemporanea in modo completamente nuovo, grazie a un mix di onestà, purezza dello sguardo e innata eleganza formale.
Nel lungometraggio Mapplethorpe. Look at the Pictures (2016) diretto da Fanton Bailey e Randy Barbato, le testimonianze di amici, modelle, famigliari e stretti collaboratori (si segnala in particolare la partecipazione di Patti Smith, con cui il fotografo americano ebbe un rapporto speciale) si intrecciano a inedite interviste con lo stesso Mapplethorpe nelle quali racconta in prima persona la sua vita, i suoi amori e il suo lavoro.

Mapplethorpe
Regia: Fenton Bailey, Randy Barbato
Durata: 108′
Genere: Documentario
Vietato ai minori di 14 anni
In tutti i cinema The Space il 24 ottobre 2016
www.wantedcinema.eu

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.