Le porcellane dei Duchi di Parma in mostra alla Reggia di Colorno di Parma

I prestiti provengono da importanti istituzioni di tutta Italia, come la Pilotta di Parma, gli Uffizi, il Museo della Villa Medicea di Poggio a Caiano e i Musei Reali di Torino: la collezione ducale sarà riunita per la prima volta dal suo smembramento nel 1859 e resa fruibile al pubblico.

Le Porcellane dei Duchi di Parma, Reggia di Colorno. Allegoria dell'Europa
Le Porcellane dei Duchi di Parma, Reggia di Colorno. Allegoria dell'Europa

È stato definito “un ritorno a casa” quello delle porcellane dei Duchi di Parma, che saranno riunite per la prima volta dopo la loro dispersione, avvenuta nel 1859 quando il Ducato di Parma e Piacenza venne cancellato per essere inglobato nel nuovo Regno d’Italia. Dopo il meticoloso lavoro condotto negli Archivi da Giovanni Godi assieme a un gruppo di esperti, i tesori saranno riuniti nella mostra Le Porcellane dei Duchi di Parma. Capolavori delle grandi manifatture del ‘700 europeo, che si svolgerà al piano nobile della Reggia di Colorno di Parma dal 15 maggio al 19 settembre 2021. L’eccezionalità dell’esposizione consiste soprattutto nei prestiti concessi al fine di riunire la collezione: come le porcellane che Luisa Elisabetta di Francia e il consorte Filippo di Borbone qui utilizzavano per i ricevimenti ducali, di ritorno dal Palazzo del Quirinale (ora a disposizione per i ricevimenti di Stato della Presidenza della Repubblica); oppure preziosi pezzi realizzati dalle manifatture di Meissen, Sèvres, Vincennes, Chantilly, Doccia e Capodimonte, provenienti dalle Gallerie degli Uffizi, dal Museo della Villa Medicea di Poggio di Caiano e dai Musei Reali di Torino, accompagnati da documenti concessi dall’Archivio di Stato. Le opere mettono in risalto il gusto filofrancese in voga nel Settecento alla corte dei duchi di Parma, che si traduceva in una ricchezza decorativa e in un desiderio di ostentazione che accompagnavano anche l’allestimento della tavola. Accanto alle porcellane saranno in mostra ritratti, lettere e documenti relativi agli acquisti della Duchessa e del Primo Ministro François Guillaume Leon Du Tillot, piante del palazzo ducale di Colorno, libri ed incisioni di feste e nozze dei duchi di Parma e altre curiosità, come ad esempio i ricettari in uso alle cucine del Settecento. Ecco alcune immagini delle opere esposte.

– Giulia Ronchi

Scheda evento

Evento correlato
Nome eventoLe Porcellane dei Duchi di Parma
Vernissage13/03/2021 no, solo evento online
Duratadal 13/03/2021 al 06/06/2021
CuratoriGiovanni Godi, Antonella Balestrazzi
Generearte antica
Spazio espositivoREGGIA DI COLORNO
IndirizzoPiazza Giuseppe Garibaldi 26 - Colorno - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.