I Girasoli di Vincent van Gogh nel 2020 andranno in mostra in Giappone e in Australia

Il dipinto, custodito alla National Gallery di Londra, insieme ad altre 60 opere del museo andrà in mostra a Tokyo e Osaka durante le prossime Olimpiadi. E poi approderà fino a Canberra

I girasoli di van Gogh
I girasoli di van Gogh

Con l’arrivo del 2020, uno dei più celebri capolavori custoditi alla National Gallery di Londra si appresta a iniziare un tour che lo vedrà protagonista di una grande mostra che toccherà il Giappone e l’Australia: si tratta dei Girasoli, opera realizzata nel 1888 da Vincent van Gogh (Zundert, 1853 – Auvers-sur-Oise, 1890) durante il suo soggiorno ad Arles. Un evento più unico che raro, considerato che, da quando il museo inglese ha acquisito l’opera (ovvero il 1923), i Girasoli hanno lasciato la Gallery solo tre volte: nel 1955 per approdare a Parigi e nel 2002 e nel 2013 ad Amsterdam. Ma l’iconico dipinto di van Gogh non sarà l’unico capolavoro del museo inglese a volare in Giappone e in Australia: gli faranno compagnia infatti una sessantina di opere, tutte facenti parte del grande progetto espositivo Botticelli to Van Gogh: Masterpieces from the National Gallery, London.

Sunflowers by van Gogh
Sunflowers by van Gogh

I CAPOLAVORI DELLA NATIONAL GALLERY IN TOURNÉE 

La prima città in cui approderà la mostra è il National Museum of Western Art di Tokyo, dal 3 marzo al 14 luglio, per poi arrivare National Museum of Art di Osaka dal 7 luglio al 18 ottobre. Durante le Olimpiadi che si terranno a Tokyo proprio nel 2020, sarà quindi possibile fare una full immersion di capolavori che copriranno un arco temporale che va dal Quattrocento fino ai primi del ventesimo secolo, suddiviso in sette periodi chiave della storia dell’arte: il Rinascimento italiano, la Golden Age, Van Dyck e la ritrattistica britannica, il Grand Tour, l’arte spagnola del XVII secolo, il paesaggio e il pittoresco e la nascita dell’arte moderna. 

LA NATIONAL GALLERY IN GIAPPONE E IN AUSTRALIA

La mostra rappresenterà dunque una sorta di “succursale” itinerante della National Gallery, con opere di Tiziano, Rembrandt, Vermeer, Velázquez, Goya, Turner, Renoir, Cézanne e Gauguin. “In concomitanza con i Giochi Olimpici in Giappone nel 2020, presenteremo una superba selezione di immagini a Tokyo e Osaka che raccontano la storia della National Gallery”, ha dichiarato Gabriele Finaldi, direttore della National Gallery. “In questa inedita mostra, la Gallery condividerà la sua collezione e la sua esperienza con un nuovo pubblico con la speranza di ispirare la passione per i nostri grandi dipinti nelle nuove generazioni”. Terminato il tour giapponese, dal 13 novembre 2010 al 14 marzo 2021 Botticelli to Van Gogh: Masterpieces from the National Gallery, London farà tappa alla National Gallery of Australia a Canberra. 

– Desirée Maida

www.nationalgallery.org.uk

Dati correlati
AutoreVincent Van Gogh
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.