Museo Nacional Thyssen-Bornemisza e il libro di ricette ispirato alle sue opere

Un dialogo tra arte e cucina il libro di ricette ispirate ai capolavori di artisti come Fontana, Miró, Dalí e Rothko. Le immagini di opere d’arte interpretate da 25 chef spagnoli

25 famosi chef spagnoli sono stati scelti dal Museo Nacional Thyssen-Bornemisza per realizzare delle ricette ispirate alle opere esposte nel museo. Hanno esplorato le sale alla ricerca del dipinto di ispirazione, per poi tradurlo con forme e colori in un piatto. Ecco che Lucía Freitas da forma all’Iris bianco di Georgia O’Keeffe, e che Andrea Dopico ricrea con la cioccolata i rami dell’albero che circondano la Vergine con il bambino nell’opera Madonna dell’Albero secco di Petrus Christus. Così Lucio Fontana è stato fonte d’ispirazione per lo chef Andoni Luis Aduriz, Max Pechstein per Samy Alí, Asher B. Durand per Víctor Arguinzoniz, Piet Mondrian per Juan Mari e Elena Arzak, Juan de Flandes per Sura Ascaso, Sonia Delaunay per Oriol Balaguer, Jacob Philipp Hackert per Martín Berasategui, Joan Miró per Juan Manuel de la Cruz, Max Beckmann per Quique Dacosta, Wassily Kandinsky per Paco Torreblanca, Jackson Pollock per Sacha Hormaechea, Salvador Dalí per Roberto Martínez Foronda, Mark Rothko per Manuel Urbano. Il libro che raccoglie le ricette e spiega come gli artisti hanno ideato i piatti è l’ultimo dei progetti dedicati alla cucina che il museo ha portato avanti, come per esempio la linea di prodotti locali (olio, cioccolato, vino, conserve ed ecc.) chiamata Delicathyssen. Ecco le immagini di una selezione di piatti e opere a confronto, un dialogo tra arte e cucina.

– Ilaria Bulgarelli

Dati correlati
AutoriLucio Fontana, Max Pechstein, Piet Mondrian, Sonia Delaunay, Joan Miró , Max Beckmann, Vassily Kandinsky, Jackson Pollock, Salvador Dalì, Mark Rothko
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ilaria Bulgarelli
Ilaria Bulgarelli (Roma, 1981) ha studiato presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, conseguendo la laurea triennale in Ingegneria Edile, poi presso “Sapienza Università di Roma”, per terminare i suoi studi con la laurea specialistica in Architettura. Un mix di studi scientifici e creativi che si vanno a fondere con la sua passione per l’arte. Sarà proprio questa passione a condurla verso l’arte contemporanea frequentando il Master of Art della LUISS Creative Business Center. Una formazione che le permette di curare mostre dal progetto curatoriale all’allestimento, collaborando così con artisti di arte contemporanea. È uno stage presso la redazione di “Rai Arte” e una collaborazione con l’ufficio stampa di MondoMostre, a portarla verso la comunicazione e il giornalismo.