Tra mito, sogno e realtà. Duilio Cambellotti a Roma

Musei di Villa Torlonia, Roma ‒ fino all’11 novembre 2018. La sede capitolina dedica un’ampia monografica a Duilio Cambellotti, poliedrico artista che amava ispirarsi alla cruda realtà e alla memoria dei classici.

Duilio Cambellotti, Fregio delle rondini, 1908
Duilio Cambellotti, Fregio delle rondini, 1908

A Villa Torlonia Cambellotti – lo sappiamo ‒ è di casa. Se avremo voglia di incontrarlo o, forse, di conoscerlo, ne potremo apprezzare il segno raffinato e visionario nell’eclettico villino liberty chiamato “Casina delle civette”, dove lavorò al seguito di Mastro Picchio, al secolo Cesare Picchiarini, maestro vetraio, per la realizzazione delle preziose vetrate policrome legate a piombo, considerate una delle maggiori attrattive del villino-museo. E oggi, tra i lecci e le conifere ‒ forse in segno di riconoscenza postuma o forse per intercessione di un ispirato e volitivo genius loci ‒ gli viene finalmente dedicata un’ampia mostra monografica sapientemente distribuita tra il neocinquecentesco Casino dei Principi e il valadieriano Casino Nobile.

INTERESSI MOLTEPLICI

Una mostra che, grazie a una dotta quanto didascalica impaginazione, ci rivela, in sintesi, le molte anime visionarie di Duilio Cambellotti (Roma, 1876-1960): il pittore, lo scultore, l’incisore, lo scenografo, il decoratore, l’arredatore, l’artigiano, il grafico, il cartellonista pubblicitario, l’illustratore, il ceramista, il designer, il fotografo, il collezionista. Una molteplicità prismatica di interessi e di passioni costantemente alimentati e sostanziati da una duplice fonte ispirativa: la realtà cruda, arcaica, desolata dell’agro romano e delle paludi pontine che frequentò e amò, e le immagini e le storie senza tempo dei miti greci e latini che si industriò ad attualizzare affrancandole dalle stucchevoli pastoie dell’archeologia (per alcuni decenni curò le scenografie degli spettacoli al teatro greco di Siracusa in collaborazione serrata con l’insigne grecista Ettore Romagnoli).

Duilio Cambellotti, Vetrata Impressioni di palude, 1930-1934
Duilio Cambellotti, Vetrata Impressioni di palude, 1930-1934

FIGURE E SPAZIO

Con franco godimento estetico percorriamo e ripercorriamo le sale del museo attratti e insieme confusi dalla varietà delle forme e dei materiali, dal gioco prezioso dei colori, dalla nostalgica impermanenza dei riflessi e delle rifrazioni. Un caleidoscopio di impressioni che toglie il fiato ma che, tuttavia ci concede lo spazio e il tempo per meditare dinanzi ad alcuni manufatti su cui, in particolare, si appunta la nostra attenzione. Seguiamo il tenue fil rouge che accomuna, ad esempio, il Fregio dei cavalli della pianura pontina, il Vasetto del corvo e del cavallo, il Magister equitum, L’avo, Il buttero. Vi possiamo leggere, in filigrana, la partecipazione di Cambellotti al dibattito, innescato dai futuristi – segnatamente dall’amico Boccioni ‒ sulla relazione simbiotica e compenetrante tra le figure e lo spazio in cui sono immerse, sulla costruzione dinamica della realtà oggettuale, sulla traduzione plastica delle forze a essa sottese.

Luigi Capano

Evento correlato
Nome eventoDuilio Cambellotti - Mito sogno e realtà
Vernissage05/06/2018 ore 18 su invito
Duratadal 05/06/2018 al 11/11/2018
AutoreDuilio Cambellotti
CuratoriDaniela Fonti , Francesco Tetro
Generearte moderna
Spazio espositivoCASINA DELLE CIVETTE - VILLA TORLONIA
IndirizzoVia Nomentana 70 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Luigi Capano
Di professione ingegnere elettronico, si dedica da diversi anni all’organizzazione di eventi culturali sia presso Gallerie private che in spazi istituzionali. Suoi articoli d’arte sono apparsi su periodici informatici e cartacei: Rivista dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, Expreso Latino, Arte e Fede, Umanesimo del Lavoro, Rivista di Studi Fiumani, Art a part of culture, Fourzine Magazine, Papale-Papale, Almaghrebiya.