Jean Fautrier in mostra a Parigi. Tutte le immagini

Dopo quasi 30 anni dall’ultima retrospettiva, il Musée d’Art moderne de la Ville de Paris celebra il precursore dell’arte informale con una grande mostra di oltre 200 opere, tra cui l’enorme collezione donata in vita da Fautrier al museo francese

Jean Fautrier. Photographie d’André Ostier, 1958 © Les ayants droit d’André Ostier Reproduction Julien Vidal Musée d’Art moderne Parisienne de Photographie
Jean Fautrier. Photographie d’André Ostier, 1958 © Les ayants droit d’André Ostier Reproduction Julien Vidal Musée d’Art moderne Parisienne de Photographie

Parigi torna a dedicare, dopo trent’anni dall’ultima retrospettiva una mostra a Jean Fautrier (Parigi, 1898 – Châtenay-Malabry, 1964), padre dell’informale ed uno dei massimi artisti francesi del secolo. Un artista stranamente poco esposto nonostante sia ormai universalmente riconosciuto come il precursore, già a partire dal 1928, più significativo dell’arte informale e il padre della pittura materica con la famosa serie degli Otages.  Fino al 20 maggio, il Musée de la Ville de Paris, che possiede la più grande collezione al mondo di opere dell’artista francese, ospita Jean Fautrier – Matière et lumière. Si tratta della terza mostra che il museo dedica all’artista parigino. Nel 1964 il museo aveva ospitato la sua prima retrospettiva, organizzata in collaborazione con lo stesso Fautrier, in seguito alla generosa donazione. Nel 1989, una seconda mostra aveva provato ad evidenziare tutte le connessioni possibili tra le diverse fasi della ricerca di Fautrier. Infine l’ultima, a distanza di quasi 30 anni, che attraverso 200 opere – tra dipinti, disegni, stampe e un consistente gruppo di sculture – si propone come la mostra più ampia mai organizzata. Oltre alla totalità della collezione donata dall’artista al Musée de la Ville de Paris, è esposto un gruppo di opere provenienti da numerose collezioni pubbliche e private in Francia e all’estero. Ecco tutte le immagini.

– Claudia Giraud

Jean Fautrier – Matière et lumière / Fino al 20 maggio
Musée d’Art moderne de la Ville de Paris,
11, avenue du Président Wilson 75116 Paris
http://www.mam.paris.fr

Dati correlati
AutoreJean Fautrier
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).