A Roma le Scuderie del Quirinale celebrano Pablo Picasso. Ecco le prime immagini della mostra

A cento anni dal suo viaggio in Italia, le Scuderie del Quirinale celebrano Pablo Picasso, con una grande mostra che ripercorre suggestioni e influenze che il Bel Paese ebbe sulla produzione del pittore spagnolo. Ecco in anteprima le immagini dell’esposizione.

Inaugura presso le Scuderie del Quirinale di Roma Picasso. Tra Cubismo e Classicismo 1915-1925, mostra curata da Olivier Berggruen e Anunciata von Liechtenstein che raccoglie più di 100 capolavori tra tele, gouaches e disegni che raccontano e celebrano il viaggio che un secolo fa, precisamente nel febbraio 1917, il padre del Cubismo Pablo Picasso (Malaga, 1881 – Mougins, 1973) fece in Italia insieme all’amico Jean Cocteau. Un “grand tour” che ebbe come tappe Roma e Napoli, città che impressionarono Picasso per le testimonianze artistiche del loro passato: nella capitale il pittore spagnolo incontrò l’arte di Raffaello, mentre a Napoli ammirò l’Ercole Farnese e gli altri capolavori classici del Museo Archeologico, per subire inoltre il fascino degli affreschi di Pompei. La mostra si sofferma sul metodo del pastiche, analizzando le modalità e le procedure tramite le quali Picasso lo utilizzò come strumento al servizio del modernismo, in un percorso di ricerca che lo condusse dal realismo all’astrazione. Tra le opere esposte, Due donne che corrono sulla spiaggia (1922), Il flauto di Pan (1923), Saltimbanco seduto con braccia conserte (1923) e Arlecchino con Specchio. Ecco in esclusiva le immagini della mostra.

– Desirée Maida

Evento correlato
Nome eventoPicasso: tra cubismo e classicismo 1915-1925
Vernissage21/09/2017 su invito
Duratadal 21/09/2017 al 21/01/2018
AutorePablo Picasso
Generearte moderna
Spazio espositivoSCUDERIE DEL QUIRINALE
IndirizzoVia XXIV Maggio 16 - Roma - Lazio
EditoreSKIRA
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.