Debuttano i Musei Reali di Torino. Immagini della mostra sulle collezioni di Carlo Emanuele I di Savoia

Per la prima volta la sterminata collezione del duca sabaudo, dalle grandi tele di Paolo Veronese agli squali di carta lunghi 3 metri, viene riunita in un’unica mostra che mette insieme le varie sedi dei Musei Reali di Torino

Le meraviglie del mondo. Le collezioni di Carlo Emanuele I di Savoia - Musei Reali, Torino
Le meraviglie del mondo. Le collezioni di Carlo Emanuele I di Savoia - Musei Reali, Torino

A oltre un anno dall’autonomia gestionale introdotta dalla riforma dei Musei statali, i Musei Reali di Torino inaugurano la loro prima mostra comune – dal titolo Le meraviglie del mondo. Le collezioni di Carlo Emanuele I di Savoia – che mette insieme le collezioni delle varie sedi che compongono il complesso che sorge attorno a Palazzo Reale, tra cui la Galleria Sabauda, la Biblioteca Reale, l’Armeria Reale e il Museo Archeologico. “Un modo per far capire al pubblico il filo conduttore che le lega“, ha spiegato durante la conferenza stampa il suo direttore Enrica Pagella. “Quello di una stagione che ruota intorno alla figura di un principe dalla curiosità insaziabile e dall’attivismo frenetico, tanto in politica come in guerra, così come sul progetto di dotare la sua capitale di un patrimonio artistico di grande valenza simbolica, degno delle più importanti corti europee”.

250 OPERE
In mostra sono, così, esposte 250 opere che attingono dalla sterminata raccolta di Carlo Emanule I del periodo compreso tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento (comprendente una quadreria di oltre 800 dipinti di nomi come Andrea Mantegna, Paolo Veronese, Roger Van der Weyden, 14mila volumi conservati in armadi, ognuno dei quali dedicato a un aspetto del sapere, busti romani, gioielli, armature, arazzi, carte geografiche), custodite in gran parte tra i tesori dei Musei Reali di Torino, alle quali si aggiungono 80 album di acquerelli e numerosi prestiti nazionali e internazionali (Parigi e Dresda su tutti): la collezione viene in parte ricomposta al primo piano della Galleria Sabauda (con un allestimento che vuole dare la suggestione della cinquecentesca “Grande Galleria” o “Manica Lunga” di raccordo tra gli odierni Palazzo Reale e Palazzo Madama) e nei caveaux della Biblioteca Reale. Ecco la nostra fotogallery della mostra…

Claudia Giraud

16 dicembre-2 aprile 2017
Le meraviglie del mondo. Le collezioni di Carlo Emanuele I di Savoia
Musei Reali, Torino
Galleria Sabauda e Biblioteca Reale
www.piemonte.beniculturali.it

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).