Le immagini delle grandi installazioni di Anish Kapoor nella doppia mostra di Venezia

Le opere più importanti della carriera dell’artista sono ospitate negli spazi di dell’Accademia e Palazzo Manfrin: un percorso che, tra il minimalismo dei neri assoluti e le esplosioni che riempiono gli ambienti, mette in risalto i punti di massima tensione della sua ricerca

Tra gli eventi più attesi di questa art week veneziana, la mostra dell’artista britannico Anish Kapoor (Mumbai, 1954) ha aperto i battenti, invadendo gli spazi di Gallerie dell’Accademia e di Palazzo Manfrin – che diventerà sede sede della fondazione voluta dallo stesso Kapoor a Venezia. Curata dallo storico dell’arte Taco Dibbits, Direttore del Rijksmuseum di Amsterdam, l’esposizione, mettendo in dialogo le due sedi, offre al pubblico una raccolta delle opere più significative che hanno reso l’artista famoso in tutto il mondo, sottolineandone pratica visionaria, sensibilità pittorica e abilità scultorea. Un alternarsi di vuoti e pieni, esplosioni e implosioni, minimalismo e ridondanza, violenza e grazia: dall’essenzialità delle opere della serie Vantablack, il nero assoluto che assorbe la luce, alla tensione estrema delle deflagrazioni in cera e silicone di Shooting into the Corner (2008-2009), all’interno della retrospettiva convivono numerosi contrasti che vanno a comporre il complesso e stratificato mondo dell’artista. “Sono interessato alla relazione tra bellezza e violenza: tutti noi possediamo la capacità di riconoscere la bellezza, ma sembra che continuiamo a non vederla, a perderla”, spiegava Anish Kapoor in un’intervista di Artribune. “E la violenza è sempre presente, in ogni individuo ma anche a livello sociale, soprattutto oggi”. 

-Giulia Ronchi

Eventi d'arte in corso a Venezia

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.