Damien Hirst e il bluff del teschio di diamanti: fu lui stesso a comprarlo

L’artista britannico ha detto al New York Times che l’opera For the Love of God, composta da oltre 8.600 diamanti, si trova ancora nei suoi depositi. Il record di vendita era fittizio.

Damien Hirst
Damien Hirst e il suo For the Love of God

Colpo di scena nel mercato artistico: Damien Hirst (Bristol, 1965), che nel 2007 aveva sostenuto di aver venduto il suo teschio tempestato di diamanti a degli investitori anonimi per la cifra record di circa 100 milioni di dollari, ha ufficialmente ammesso che la famosa compravendita non c’è mai stata. In un’intervista rilasciata al New York Times – realizzata in occasione della sua prima esposizione a New York da quattro anni – il bad boy inglese ha detto che l’opera For the Love of God, composta da più di 8.600 diamanti, si trova ancora in un deposito di Hatton Garden – il quartiere dei gioielli di Londra – e che questa è ancora di proprietà della sua galleria White Cube e di un gruppo di investitori.

Giuseppe Stampone, Bic Data Blue, 2013-2014, 100 disegni, penna Bic su carta, 40×55 cm cad., Courtesy l’artista e prometeogallery di Ida Pisani, Milano/Lucca – Foto: Giorgio Benni

LA NOTIZIA DELLA VENDITA DELL’OPERA FOR THE LOVE OF GOD E I PRIMI SOSPETTI

La vendita clamorosa, che White Cube aveva annunciato nell’agosto 2007, era stata garantita al tempo da fonti affidabili. Certo, un filo di dubbio rimaneva, dato che si parlava pur sempre di Hirst (basti vedere il finto naufragio di Treasures from the Wreck of the Unbelievable e scherzi affini) e che la galleria non aveva offerto alcuna prova concreta di vendita. Per non parlare delle incongruenze nel resoconto dell’artista: quando l’opera era stata preannunciata al pubblico nel 2006, Hirst aveva affermato di aver finanziato da sé tutti i 16 milioni di dollari per creare il teschio, ma quando finalmente lo ha mostrato alla White Cube ha detto che la cifra reale era 30 milioni di dollari. Praticamente il doppio, mentre diversi gioiellieri avevano valutato allora il prezzo effettivo del manufatto intorno ai 15/20 milioni. I primi sospetti erano poi emersi quando la White Cube aveva annunciato la vendita per 100 milioni, un super record (per di più in contanti). Nonostante i sospetti, l’opera era poi stata esposta al Rijksmuseum di Amsterdam, alla Tate Modern e a Palazzo Vecchio. Ora la candida ammissione dell’esponente degli Young British Artists – lanciatosi nel frattempo a testa bassa nel mercato degli NFT – conferma come sul settore, quello delle vendite e delle aste, la comunicazione conta più dei fatti. Spesso in barba alla trasparenza.

Damien Hirst with The Currency artworks, 2021. Photographed by Prudence Cuming Associates Ltd © Damien Hirst and Science Ltd, DACS 2021
Damien Hirst with The Currency artworks, 2021. Photographed by Prudence Cuming Associates Ltd © Damien Hirst and Science Ltd, DACS 2021

IL CASO NOSTRANO DEI PROFILI INSTAGRAM FAKE

Mentre artistar e gallerie di primo piano come Hirst e la White Cube turbano il mercato internazionale con notizie inconsistenti e del buon vecchio hype – ricavandone un cospicuo profitto, lo YBA è a tutti gli effetti l’artista più ricco della Gran Bretagna -, in Italia è bastato il caso di quattro profili Instagram fake di altrettanti collezionisti per far scoppiare un pandemonio. La facilità con cui artisti, gallerie e collezionisti si promuovono e ottengono investimenti senza dimostrazioni tangibili né garanzie (ancora più facilmente in pandemia) sottolinea una volta di più la fragilità del sistema dell’arte e la non singolarità di questi casi. Certo, alcuni più gravi di altri.

– Giulia Giaume

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Giaume
Amante della cultura in ogni sua forma, è divoratrice di libri, spettacoli, mostre e balletti. Laureata in Lettere Moderne, con una tesi sul Furioso, e in Scienze Storiche, indirizzo di Storia Contemporanea, ha frequentato l'VIII edizione del master di giornalismo Walter Tobagi. Collabora con diverse riviste su temi culturali, diritti civili e tutto ciò che è manifestazione della cultura umana, semplicemente perché non può farne a meno.