Alla Collezione Olgiati di Lugano una monografica rilegge 20 anni di lavoro dello scultore Pietro Consagra, con rarità che gettano nuova luce sulle sue opere più conosciute. Un viaggio tra concretezza e utopia, per una riscrittura della realtà in senso antiformalista

La monografica alla Collezione Olgiati restituisce a Pietro Consagra (Mazara del Vallo, 1920 – Milano, 2005) la posizione di avanguardista che non sempre gli viene attribuita. Già il titolo della mostra curata da Alberto Salvadori è significativo: La materia poteva non esserci, frase che colloca immediatamente le opere nel campo del concetto, dell’ideazione e del processo, anziché in un semplice “duello” dello scultore con il materiale prescelto.
L’ampiezza dell’analisi che la mostra mette in atto è degna di una retrospettiva, ma si tratta di un focus su vent’anni decisivi, dai Cinquanta ai primi Settanta. Il percorso è cronologicamente inverso, come a voler rileggere le opere più (relativamente) classiche e conosciute di Consagra alla luce della sperimentazione accentuata che avviene dalla seconda metà degli Anni Sessanta.

Pietro Consagra. La materia poteva non esserci. Exibition view at Collezione Olgiati, Lugano 2021. Photo Agostino Osio
Pietro Consagra. La materia poteva non esserci. Exibition view at Collezione Olgiati, Lugano 2021. Photo Agostino Osio

TELI DIPINTI E UNA “SELVA” DI SCULTURE

Apre il percorso La città frontale del 1968, opera aperta e felicemente frastagliata dove la scultura diventa assieme installazione, riflessione sull’idea di antimonumentalità, utopia architettonica. Un altro esempio dello spirito anticonformista e antiformalista di Consagra sono poi i sorprendenti pseudo-ready made che trasportano elementi dell’arredo urbano all’interno del museo, mentre addentrandosi fra tre dei lenzuoli dipinti tra fine Anni Sessanta e inizio Settanta si scopre un’applicazione pittorica (ma sempre di stampo spaziale) dell’alfabeto creato dall’artista.
Il passaggio tra i teli è anche l’accesso alla parte più spettacolare della mostra, la “selva” di ferri dipinti: al di là della modernità della tecnica e del colore, qui la struttura scultorea si trasforma definitivamente in qualcosa di non catalogabile, saldo eppure aereo, sensoriale eppure puramente concettuale.

Pietro Consagra. La materia poteva non esserci. Exibition view at Collezione Olgiati, Lugano 2021. Photo Agostino Osio
Pietro Consagra. La materia poteva non esserci. Exibition view at Collezione Olgiati, Lugano 2021. Photo Agostino Osio

L’ARTE DI PIETRO CONSAGRA

Si può tornare così, dopo questo percorso all’inverso, alle opere più conosciute dell’artista, via via fino al Colloquio del 1952. Bronzo, acciaio, legno vengono affrontati sfidandone le caratteristiche e le convenzioni a essi legate (il legno bruciato dà in particolare risultati che stupiscono per la loro natura definitiva e insieme aleatoria). Non siamo nel campo delle variazioni sul tema dell’Informale, ma in un gioco dove il materiale viene valorizzato e reso moderno perché smentito, sfidato fino al limite delle possibilità.
Opera, spazio pubblico e persino domestico convivono nel progetto di riscrittura totale della realtà ideato da Consagra; l’idea di frontalità coinvolge direttamente chi osserva le opere (tratti antropomorfi o biologici sono d’altronde un sottinteso costante) e trasporta nell’arte italiana l’aria di rinnovamento che soffiava oltreoceano, distillandone le componenti più progressiste.

Stefano Castelli

Evento correlato
Nome eventoPietro Consagra - La materia poteva non esserci
Vernissage11/09/2021
Duratadal 11/09/2021 al 09/01/2022
AutorePietro Consagra
Generearte moderna
Spazio espositivoSPAZIO -1 COLLEZIONE OLGIATI
IndirizzoRiva Caccia 1 - Lugano
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Stefano Castelli
Stefano Castelli (nato a Milano nel 1979, dove vive e lavora) è critico d'arte, curatore indipendente e giornalista. Laureato in Scienze politiche con una tesi su Andy Warhol, adotta nei confronti dell'arte un approccio antiformalista che coniuga estetica ed etica. Nel 2007 ha vinto il concorso per giovani critici indetto dal Castello di Rivoli. Pubblica regolarmente i suoi articoli dal 2007 su Arte, dal 2011 su Artribune e dal 2018 su IL-mensile de Il Sole 24 ore. Collabora anche con Antiquariato. Dal 2004 a oggi ha curato numerose mostre in spazi privati e pubblici, di artisti affermati ed emergenti. Dal 2016 è nel comitato curatoriale del Premio arti visive San Fedele. Nel 2020 ha pubblicato il saggio "Radicale e radicante – Sul pensiero di Nicolas Bourriaud" (Postmediabooks) e tradotto il saggio "Inclusioni" di Nicolas Bourriaud (Postmediabooks).