Il nuovo Umanesimo di Claudio Costa e Hermann Nitsch a Venezia

La galleria Michela Rizzo ospita un dialogo tra due grandi autori fatto di oggetti e azioni, alla riscoperta del concetto di “uomo” e del suo significato per la contemporaneità.

Claudio Costa | Hermann Nitsch. Il viaggio nell'ancestrale. Installation view, seconda sala, 2021 - Courtesy Galleria Michela Rizzo e l'artista. Foto di Enrico Fiorese
Claudio Costa | Hermann Nitsch. Il viaggio nell'ancestrale. Installation view, seconda sala, 2021 - Courtesy Galleria Michela Rizzo e l'artista. Foto di Enrico Fiorese

Nell’incipit della sua Lettera sull’Umanismo Martin Heidegger scrive: “Noi non pensiamo ancora in modo abbastanza decisivo l’essenza dell’agire. Non si conosce l’agire se non come il produrre un effetto la cui realtà è valutata in base alla sua utilità”. La stessa cosa potrebbe forse essere estesa al nostro modo di intendere la verità e la conoscenza, laddove un pensiero o un’affermazione sono ritenuti tanto più veri e affidabili quanto più coincidono con la realtà. E altrettanto si potrebbe dire sul modo di concepire l’uomo come animale alternativamente razionale, sociale, morale, spirituale. Di farlo coincidere insomma con il complesso delle relazioni visibili e invisibili che lo legano al contesto. Hermann Nitsch (Vienna, 1938) e Claudio Costa (Tirana, 1942 – Genova, 1995), pur seguendo percorsi artistici e intellettuali distinti, sottolineano l’inadeguatezza di un umanesimo così inteso e la necessità di una nuova antropologia, di un ricalcolo delle coordinate di intersezione fra individuo, società e mondo. Un umanesimo che sia in grado, come direbbe Heidegger, di “dispiegare qualcosa nella pienezza della sua essenza”.

L’UOMO SENZA L’UOMO

Come sottolinea il curatore della mostra Stefano Castelli, in entrambi gli autori il discorso sull’uomo è intavolato in sua assenza. La persona non viene raffigurata ma è costantemente evocata, suggerita, messa in discussione. Per Costa gli oggetti, in Nitsch le azioni – nonché le vestigia da queste prodotte – sono altrettante metonimie della figura umana. Una sorta di tentativo di tracciare un perimetro concettuale. Una definizione al negativo che permette di liberare l’idea dalle sovrastrutture culturali, politiche, socioeconomiche e religiose.

Claudio Costa, La pietra e il Corno, 1976-1977. Terracotta, pietra, corno, carta su legno grezzo, 60 x 122 cm - Courtesy Galleria Michela Rizzo e Archivio Claudio Costa
Claudio Costa, La pietra e il Corno, 1976-1977. Terracotta, pietra, corno, carta su legno grezzo, 60 x 122 cm – Courtesy Galleria Michela Rizzo e Archivio Claudio Costa

OLTRE IL READY-MADE

La ricerca di Claudio Costa sta alla pratica dell’objet trouvé più o meno come Un paio di scarpe di van Gogh sta all’orinatoio di Duchamp. Opere come Attrezzi e falce o Macinatrice d’Africa, in cui strumenti agricoli e cimeli africani sono sottratti al flusso quotidiano d’uso e consumo, sembrano testimoniare la vicinanza di Costa alla lezione del maestro francese. A uno sguardo più attento, tuttavia, la pratica di Costa si rivela sostanzialmente differente: gli artefatti non vengono trasfigurati dall’artista in oggetti di contemplazione estetica. La loro ricollocazione non serve a conferire nuovi e superiori significati ma a s-velarne l’essenza, a strappare il velo della funzione per riportare alla luce, come altrettanti reperti archeologici, la vita che li ha resi possibili ma che è stata rimossa. E che, come avviene per gli stivali sgualciti di van Gogh, proprio grazie a questa rimozione diventa ancor più evidente.

Hermann Nitsch, Relitti, 2000 - 2000 – 2001. Tecnica mista e sangue su cotone, dimensioni variabili - Courtesy Galleria Michela Rizzo e l'artista. Foto di Enrico Fiorese
Hermann Nitsch, Relitti, 2000 – 2000 – 2001. Tecnica mista e sangue su cotone, dimensioni variabili – Courtesy Galleria Michela Rizzo e l’artista. Foto di Enrico Fiorese

IL SACRUM FACERE DI NITSCH

I Relitti costituiscono il nucleo più numeroso di lavori di Nitsch presenti in mostra: vesti, sindoni, fasciature, tele in cui sangue, liquidi corporei e colore si mescolano e impastano fino a ibridarsi, non sono semplici tracce delle performance realizzate dall’artista ma testimoni “parlanti”, eterni, costantemente “attivabili” attraverso la relazione con il pubblico. Sono il risultato di una dispersione energetica, di un surplus vitale che viene irradiato nel gesto performativo in maniera anti-economica, anti-produttiva, anti-capitalistica, sacrificale, per poi rapprendersi nell’opera d’arte, il sacrum per eccellenza. Il luogo in cui, ancora una volta e forse definitivamente, sottrarsi a quelle logiche utilitaristiche che vorrebbero imporsi come unico metro di giudizio di chi siamo e di quello che facciamo.

Irene Bagnara

Eventi d'arte in corso a Venezia

Evento correlato
Nome eventoClaudio Costa / Hermann Nitsch - Il viaggio nell’ancestrale
Vernissage04/09/2021 su invito
Duratadal 04/09/2021 al 13/11/2021
AutoriHermann Nitsch, Claudio Costa
CuratoreStefano Castelli
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoGALLERIA MICHELA RIZZO - EX BIRRERIA GIUDECCA
IndirizzoIsola della Giudecca 800Q 30133 - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Irene Bagnara
Nata a Bassano del Grappa, è laureata in Filosofia a Padova con una tesi sul caso degli indiscernibili in arte fra Kant e Arthur Danto e in magistrale a Torino con una dissertazione di filosofia analitica sulla definizione ontologica ed epistemologica di “opera d’arte”. Ha frequentato a Venezia, dove attualmente lavora, il 26° Corso in Pratiche Curatoriali della galleria A plus A. Particolarmente interessata alla costruzione di una buona teoria filosofica sull’arte contemporanea, è da parecchi anni ormai impegnata nel tentativo, a tratti ossessivo, di rendere ragione della molteplicità degli oggetti artistici e dei delicati, e a tratti singolari, rapporti che caratterizzano il cosiddetto artworld. Ama più leggere che scrivere, più mangiare che cucinare. In ogni caso, li considera tutti e quattro ottimi metodi per conoscere il mondo e soprattutto se stessi.