YOW – YOUR OWN WALL: l’app per collezionare e creare la propria rete nel mondo dell’arte

Un’app gratuita e accessibile ad artisti, collezionisti, curatori, addetti ai lavori e non: un modo semplice per esporre e acquistare opere d’arte e approcciarsi a questo mondo, anche per chi è alle prime armi. Ce ne hanno parlato i suoi ideatori in questa intervista

YOW - Your own wall
YOW Your own wall

Un nuovo modo di esporre, fruire dell’arte e costruire una rete di relazioni. Tutto questo grazie alla nuova app, YOW – YOUR OWN WALL, realizzata da Metronom, con il contributo del bando INCREDIBOL 2020 Bologna. Il fulcro del suo sistema è la possibilità di tenere ‘in deposito’ a titolo gratuito per un tempo limitato e presso i propri locali un’opera, scelta tra quelle rese disponibili sulla piattaforma. Questo può dar vita a nuovi contatti e occasioni di incontro e, una volta scaduto il tempo del prestito, il collezionista avrà l’opportunità di scegliere se restituire il lavoro al suo proprietario oppure acquistarlo. Per questo, l’app si rivolge ad appassionati, curatori, collezionisti, proprietari di realtà espositive e a tutti gli artisti che vogliono mettere a disposizione le proprie opere. Un servizio gratuito e pensato per non entrare in competizione con i tradizionali canali di vendita o di esposizione, ma anzi esserne complementari. YOW è disponibile su App Store per iPhone e iPad, su Google Play Store per smartphone Android ed è fruibile da qualsiasi dispositivo dotato di browser (PC, Laptop, Tablet, etc.) attraverso la versione Desktop del portale.

YOW - Your own wall
YOW – Your own wall

Chi c’è dietro a YOW?
YOW è un progetto che Metronom ha sviluppato anche in seguito a una riflessione sui cambiamenti – forzati o meno – che la situazione pandemica ha portato nel mondo dell’arte contemporanea, sia in termini di abitudini sia di contesti e percorsi consolidati. Il team che ha sviluppato la app è composto da diverse figure professionali, e attualmente c’è un team di redazione, diciamo così, che coordina e organizza i contenuti YOW.

Quali sono i luoghi che possono trasformarsi in spazi espositivi grazie a YOW?
Potenzialmente tutti, il cambiamento non è un cambiamento di luogo ma di possibilità. Quello che conta è, infatti, la possibilità di fruire del lavoro, di avere una prossimità con l’opera, confrontarsi sia con i professionisti che con gli appassionati e, per gli artisti, di mostrare la propria ricerca e allargare il network di relazioni.

YOW - Your own wall
YOW – Your own wall

Quali sono i requisiti che un artista dovrebbe avere per prendere parte a YOW?
Il requisito fondamentale, per gli artisti così come per le gallerie, per i project space o per le collezioni, è mettere a disposizione opere per questo speciale prestito. La comunità degli amici dell’arte è senz’altro sensibile e attenta a un dialogo posto su queste basi.

YOUR OWN WALL
c/O METRONOM
via Carteria 10
Modena
[email protected]
www.yourownwall.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.