Europei di calcio 2021. Dal MUFOCO alla FMAV, ecco le mostre sullo sport più amato dagli italiani

Tra un gol di Locatelli e un assist di Berardi, il calcio è anche il fil rouge delle mostre pensate da vari musei italiani in occasione degli Europei in corso fino all’11 luglio. Ecco quali sono

Dallo scorso 11 giugno sono in corso gli Europei di calcio, edizione quella di quest’anno particolarmente importante perché coincide con il 60esimo anniversario dalla nascita della manifestazione. Ricorrenza, questa, che non è passata inosservata nemmeno dal mondo dell’arte: diversi musei italiani infatti hanno organizzato mostre a tema, tra una riflessione di una 30ina di artisti sul tifo più o meno organizzato e sulla sua capacità di definire il senso di appartenenza, alla celebrazione del 60esimo anniversario dal primo campionato europeo con le figurine d’epoca, vediamo quali sono le esposizioni in corso, in attesa della partita finale dell’11 luglio…

– Claudia Giraud

1. 30 ARTISTI RIFLETTONO SUL RUOLO DEL CALCIO NELLA CULTURA ITALIANA

Marco Previdi, Poli ultras, 2019

A cura di Matteo Balduzzi, la mostra collettiva Chi non salta. Calcio. Cultura. Identità è un’indagine sul ruolo del calcio nella cultura italiana. E lo fa presentando una panoramica per immagini della sua presenza nella società, nel paesaggio, nella memoria e nella cultura del nostro Paese. Protagonisti dell’esposizione saranno i lavori di oltre trenta artisti di generazioni, discipline e linguaggi diversi – tra fotografie, installazioni e video – presentati in dialogo con le collezioni del Museo, alcune produzioni artistiche recenti, raccolte di immagini di taglio antropologico, progetti partecipati.

Chi non salta. Calcio. Cultura. Identità
Fino al 24 ottobre 2021
MUFOCO – Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 10, Cinisello Balsamo – Milano
www.mufoco.org 

2. 60 ANNI DI EUROPEI DI CALCIO IN FIGURINA

Eurogol. 60 anni di Europei in figurina

Eurogol. 60 anni di Europei in figurina è una mostra a cura di Francesca Fontana e Marco Ferrero nata in occasione del Campionato Europeo di calcio, in stretto legame con la raccolta personale di Gianni Bellini, considerato il maggior collezionista di album di figurine dedicate al calcio. Se il primo Campionato Europeo si è svolto nel 1960 le prime figurine dedicate a questa competizione sono state prodotte invece a partire dagli anni ’80 e nel percorso espositivo sono presenti oltre 60 album che raccontano questa storia, con materiali di archivio, documenti e oggetti che testimoniano il fortissimo legame tra le figurine e lo sport.

Eurogol. 60 anni di Europei in figurina
Fino al 22 agosto 2021
FMAV – Palazzo Santa Margherita, Corso Canalgrande, 103, 41121 Modena
www.fmav.org

3. IL FORO ITALICO E LO STADIO DEI MARMI A ROMA SECONDO ESPER POSTMA

Esper Postma, Memory Games, 2021, dettaglio, stampa montata su dibond_ courtesy the artist

Nella sua ricerca artistica, Esper Postma (Amsterdam, 1988) indaga il moltiplicarsi di significati provenienti da spazi, oggetti e icone familiari, analizzando, in particolare, il linguaggio e l’estetica del potere. Ad esempio, Postma ha più volte dissezionato palazzi istituzionali, presentando frammenti architettonici a grandezza naturale che sembrano essere ritagliati da un edificio. Così ha fatto anche nella mostra Face Fear, che si inaugurerà il 30 giugno a Villa Romana (istituzione dalla quale l’artista ha ottenuto un assegno di ricerca insieme al Kunsthistorisches Institut Florenz – Max-Planck-Institut), dove si è concentrato su due luoghi simbolo di Roma: il Foro italico e lo stadio dei Marmi “Pietro Mennea”. Il primo era inizialmente chiamato Foro Mussolini. L’entrata, che era stata concepita per celebrare la grandezza dell’Impero italiano, oggi è usata come campo da gioco. A breve distanza si trova lo Stadio dei Marmi, un impianto sportivo di Roma dedicato principalmente all’atletica leggera. Costruito tra il 1928 e il 1932 e inaugurato come Stadio dei Marmi, sorge all’interno del Foro Italico e nasce come estensione dell’Accademia fascista maschile di educazione fisica per gli allenamenti quotidiani dei suoi allievi. Ora, c’è chi si allena o svolge una lezione di fitness.

Esper Postma – Face Fear
Dal 30 giugno al 29 luglio 2021
Villa Romana, via Senese 68, Firenze
www.villaromana.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).