Artribune Podcast. L’artista Eva Marisaldi per la serie Monologhi al Telefono

Continuano i podcast di Artribune con il format “Monologhi al Telefono”, a cura di Donatella Giordano. Oggi a rispondere alla chiamata è l’artista Eva Marisaldi

2007, eva marisaldi porto fuori
2007, eva marisaldi porto fuori

Oggi siamo al telefono con Eva Marisaldi (Bologna, 1966): nel suo monologo, l’artista presenta alcuni materiali sonori prodotti nel corso degli anni insieme a Enrico Serotti, musicista e consorte. Si tratta di opere che in origine non erano esclusivamente sonore ma che si prestano per essere veicolate al telefono. I suoni provengono da opere installate presso la cisterna di epoca romana di Villa Medici di Roma nel 2017, il Molo Zaccagnini di Ravenna nel 2007 e il Teatro di Villa Aldrovandi Mazzacorati di Bologna nel 2018.

Ascolta “Eva Marisaldi – Monologhi al Telefono a cura di Donatella Giordano” su Spreaker.

EVA MARISALDI: SUONI E NARRAZIONI

Da oltre trent’anni Eva Marisaldi porta avanti la sua pratica artistica multiforme affrontando diverse tematiche, per le quali usa una gamma di soluzioni espressive molto ampie. Fotografie, performance, video, animazioni, installazioni, disegni o ricami viaggiano parallelamente verso una dimensione narrativa che stabilisce sempre un rapporto con lo spettatore, pur rimanendo apparentemente astrusa. Opere meccaniche che suonano e coinvolgono lo spazio mostrano continui rimandi ai giochi e alle memorie di un’infanzia collettiva, un approccio originale che la porta a indagare oggetti e situazioni che appartengono al quotidiano per svelarne i limiti, restituendo così sempre nuove e molteplici prospettive.

– Donatella Giordano

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Donatella Giordano
Nata in Sicilia, vive a Roma dal 2001. Ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, dove nel 2006 ha conseguito il diploma di laurea con una tesi che approfondiva la nascita dei primi happening e delle azioni performative viennesi degli anni Sessanta, fino alle controverse ricerche della Body Art degli anni Novanta. Un lavoro che ha poi portato avanti con integrazioni o interviste pubblicate, come quelle rilasciate da Stelarc, Orlan e Franko B. Dopo aver conseguito l'abilitazione, dal 2008 insegna Storia dell'Arte e Disegno in una scuola pubblica. Nell'ambito del progetto 100% Periferia ha curato mostre al Palazzo delle Esposizioni di Roma, Scuderie Aldobrandini di Frascati, Farm Cultural Park di Favara, Metropoliz di Roma. Nel 2012 ha curato la prima edizione del Digital Live della Fondazione Romaeuropa, inaugurando la sezione "Talks". Nel 2013 è stata Assistant Curator per il progetto "Joan of Art: Towards a Free Education" presso il Macro di Roma e la Gervasuti Foundation di Venezia. Ha pubblicato il catalogo “Quadratonomade, opere d’arte in scatola per un museo itinerante” edito da Gangemi. Nel 2020 ha co-curato una mostra al Museo Carlo Bilotti di Roma. Scrive per Artribune dal 2014, dove dal mese di aprile 2020 ha inaugurato la sezione Podcast con la rubrica "Monologhi al Telefono".