Percezione e materia. Una mostra collettiva a Verona

Si intitola “Rosso e Grigio” la mostra curata da Marco Meneguzzo negli spazi di Studio La Città a Verona. Una riflessione sulla materia e sul suo potenziale percettivo.

Rosso e Grigio. Alberto Scodro, Lucio Fontana, Luigi Carboni, Daniela Monaci, Fausto Melotti, Claudia Losi, Dave Hardy, Emil Lukas. Exhibition view at Studio la Città, Verona 2021. Photo credits Michele Alberto Sereni. Courtesy Studio la Città
Rosso e Grigio. Alberto Scodro, Lucio Fontana, Luigi Carboni, Daniela Monaci, Fausto Melotti, Claudia Losi, Dave Hardy, Emil Lukas. Exhibition view at Studio la Città, Verona 2021. Photo credits Michele Alberto Sereni. Courtesy Studio la Città

La mostra collettiva Rosso e Grigio, alla Galleria Studio La Città di Verona, a cura dello storico e critico d’arte Marco Meneguzzo, accoglie e abbraccia il visitatore, quasi volutamente rispondendo al bisogno di bellezza, di stimoli visivi e intellettivi, che sembrava essere stato tagliato di netto, ma non messo a tacere, dall’attuale pandemia.
Si presta a ciò perfettamente lo spazio espositivo, i cui ambienti ampi e luminosi donano grande respiro ai pezzi esposti. Così valorizzando l’allestimento, curato nei minimi dettagli e misure, nello stile improntato alla purezza formale e alle suggestioni materiche e concettuali, come proprio del target minimalista e analitico perseguito dalla galleria.

LA MOSTRA ALLA GALLERIA STUDIO LA CITTÀ

L’idea cardine della collettiva – allo stesso modo che nella precedente mostra dedicata alle opere in vetro ‒ nel proposito della gallerista e fondatrice della galleria, Hélène De Franchis, è mettere a confronto artisti di diversa provenienza geografica, cultura, età ed esperienza con l’uso dei materiali: in questo caso l’argilla, il “rosso” appunto, il fuoco, e il cemento, ovvero il “grigio”, l’acqua. Diciotto gli artisti esposti, che adoperano la terracotta o il materiale refrattario per tutto il corso della loro carriera, oppure ne fanno oggetto di temporanea sperimentazione: Luca Caccioni, Luigi Carboni, Sonia Delaunay, Lucio Fontana, Alberto Garutti, Dave Hardy, Antonio Ievolella, Claudia Losi, Emil Lukas, Imi Knoebel, Riyas Komu, Fausto Melotti, Daniela Monaci, Lucio Pozzi, Emilio Scanavino, Alberto Scodro, Francesco Simeti, Jessica Stockholder.

Rosso e Grigio. Emilio Scanavino, Riyas Komu. Exhibition view at Studio la Città, Verona 2021. Photo credits Michele Alberto Sereni. Courtesy Studio la Città
Rosso e Grigio. Emilio Scanavino, Riyas Komu. Exhibition view at Studio la Città, Verona 2021. Photo credits Michele Alberto Sereni. Courtesy Studio la Città

GLI ARTISTI E LE OPERE

All’ingresso della mostra ci accoglie – in perfetta collocazione d’apertura – l’opera di Alberto Garutti, una lastra in cemento colorato con su incisa la scritta: “Tutti i passi che ho fatto nella mia vita mi hanno portato qui, ora”, sintesi ideale della potenzialità e complessità del vissuto, di ciascuno e della collettività, che dischiude all’immaginazione una serie di arditi e godibili collegamenti. Questo si connette al “climax” finale di Water Study, opera di Emil Lukas: trittico composto da tre blocchi di calcestruzzo con inserite all’interno tazze in vetro e ceramica: una sorta di “impluvium” contemporaneo dove l’azione dell’ambiente e dell’acqua che ristagna o evapora dai recipienti è essenziale al completamento dell’opera.
Tali concetti di base innescano una reazione a catena, che coinvolge lo spettatore in un gioco intimistico di richiami e rimandi visivi, intellettuali e in ultima istanza spirituali. Un gioco silenzioso e gratificante di sottile comunicazione fra il luogo e le opere, e fra entrambi questi e il fruitore.

‒ Maria Palladino

ACQUISTA QUI il saggio di Marco Meneguzzo sulla globalizzazione in arte

Evento correlato
Nome eventoRosso e Grigio / Angela Caputi
Vernissage20/02/2021 dalle 10:30 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00 solo su prenotazione (entro il 10 dicembre) fino ad un massimo di 45 persone
Duratadal 20/02/2021 al 02/04/2021
AutoreAngela Caputi
CuratoreMarco Meneguzzo
Generiarte contemporanea, personale, collettiva
Spazio espositivoSTUDIO LA CITTA'
IndirizzoLungadige Galtarossa 21 - Verona - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Maria Palladino
Maria Palladino, curatrice di eventi artistici e critico d’arte, si occupa dell’organizzazione di mostre d’arte contemporanea, dal progetto espositivo all’allestimento, presentazione, comunicazione e ufficio stampa dal 2003, operando con associazioni artistiche e nel contesto di gallerie e spazi istituzionali a Padova, dove risiede attualmente, e in tutta Italia. Quale curatrice della Fondazione Arte Contemporanea – presidente lo storico, critico d’arte e curatore Giorgio Grasso – contribuisce alla realizzazione di numerosi eventi nel territorio Italiano, nel contesto di prestigiose manifestazioni culturali come la Biennale Internazionale d’Arte di Venezia. In collaborazione con lo storico, critico d’arte e curatore Giancarlo Bonomo dà vita a eventi artistici in spazi espositivi privati e pubblici nazionali. La passione per la scrittura costituisce una naturale inclinazione e una componente sostanziale del suo lavoro.