Nuovi format d’arte in Puglia: nascono l’artist run space Nico e la residenza Goodnight

Entrambi i progetti sono stati ideati da artisti midcareer: il primo è un artist run space nella città di Bari; il secondo un programma annuale di residenze in una dimora di charme a Corato

Goodnight, l'intervento di Raffaele Fiorella
Goodnight, l'intervento di Raffaele Fiorella

Il post Covid pugliese ha generato un fiorire di mostre e nuovi eventi nella Puglia contemporanea che Artribune ha raccontato qui. Tra questi due iniziative che hanno mostrato il volto protagonista degli artisti e che apriranno al pubblico sabato 5 settembre. Si parte con Nico, la nuova galleria sostenuta da Associazione Afa, che rompe il silente panorama del mercato dell’arte contemporanea barese. Nico è il diminutivo di Nicola, un nome che sintetizza il territorio, ricordando il famoso santo protettore di Bari. È situata in una parte della città destinata al tempo libero, a ridosso di Pane e Pomodoro, la spiaggia cittadina al confine con un quartiere difficile. Nasce dalla somma di due esperienze maturate da Mariantonietta Bagliato e Fabio Santacroce, entrambi artisti e in passato fondatori, rispettivamente, di Nodo e di 63rd – 77th Steps, due spazi a sostegno della creatività in ascesa. 

Fabio Santacroce, courtesy Spazio NICO, Bari
Fabio Santacroce, courtesy Spazio NICO, Bari

NICO: LA MOSTRA INAUGURALE DI FABIO SANTACROCE

In passato abbiamo agito”, dichiarano all’unisono, “in un perimetro confinato, in altre parole in un project space. Nico è un’evoluzione di queste sperimentazioni pregresse, mutando il passo, ora puntiamo sia alla definizione di un luogo espositivo in cui lanciare artisti internazionali, sia alla sua progressiva stabilizzazione nel mercato. Inoltre vogliamo consegnare alla città di Bari un luogo espositivo allineato con il trend europeo e con una programmazione ben articolata che abbiamo già definito fino al prossimo giugno».  Si comincia con la personale Policy of the sun (il titolo fa il verso al pezzo Policy of the truth dei Depeche Mode) di Fabio Santacroce. Presenta i nuovi lavori realizzati durante il lockdown, siglati in un bianco rosso, denotativo della sua produzione ma, nella fattispecie, omaggio al territorio nei colori della città, squadra di calcio compresa. Le opere rimarcano un filone già noto dell’artista che, aiutato da tutorial in modalità bricoleur, compone oggetti generati da ordinati assembramenti di mollette. Replicano le brulicanti paccottiglie kitsch in vendita nei negozi cinesi con qualche concessione al gusto shabby chic. Cestini, sedioline, piccole altalene, carretti, confezionati a guisa di bomboniere, invadono lo spazio legati da un decoro murale, ovviamente bianco rosso, che impagina il tutto amplificando la componente di ironica e ricercata pacchianeria.  Una lettura più accurata rivela anche una vena dark contaminata da prelievi pop, tra cui spicca l’icona inossidabile di Jim Morrison. 

Policy of the sun, Fabio Santacroce, courtesy Spazio Nico, Bari ph Eugenia Fiusco
Policy of the sun, Fabio Santacroce, courtesy Spazio Nico, Bari ph Eugenia Fiusco

LA RESIDENZA GOODNIGHT A CORATO

Anche il progetto di residenze artistiche Goodnight nasce dall’idea di un artista: a concepirlo è infatti Raffaela Fiorella che con Pier Alfeo ha realizzato le opere per questa prima edizione. L’evento si è progressivamente arricchito di ulteriori presenze: gli esiti saranno presentati sabato 5 settembre 2020 nei luoghi dove sono stati concepiti, il complesso turistico rurale Torre Sansanello e la dimora di charme Torrechiara, vicino Corato, all’interno della Murgia, l’altopiano di rude bellezza che attraversa il cuore della Puglia. “Accanto al programma principale”, spiega Nicola Zito che, con Fiorella, ha curato l’iniziativa, “sono state coinvolte sei giovani artiste provenienti dalle Accademie di Belle Arti di Bari e Foggia, Carmelania Bracco, Roberta Ciaurro, Marta Crucinio, Rosaria Lucia Marrone, Serena Semeraro, Chiara Vitofrancesco, coordinate dal curatore e critico Christian Caliandro, docente all’Accademia di Belle Arti di Foggia. Anche loro hanno prodotto lavori permanenti che, con differenti approcci, si configurano come il risultato di un dialogo tra attitudini artistiche personali. Hanno però innescato un circuito creativo corale, con interventi mirati a mettere in risalto le peculiarità paesaggistiche, architettoniche e culturali del territorio. Pensiamo di rendere Goodnight un appuntamento annuale in cui due artisti concepiscano opere in residenza per contribuire alla costituzione di una collezione”.

Goodnight, l'intervento di Pier Alfeo
Goodnight, l’intervento di Pier Alfeo

GOODNIGHT: ARTE E TURISMO IN PUGLIA 

“Obiettivo del project concept”, chiariscono Antonio Messina, general manager e Vincenzo Misuriello, marketing manager di Your Murgia Experience che sostiene il progetto, “è quello di attivare forme innovative di fruizione del territorio attraverso l’utilizzo di nuovi linguaggi parlati, scritti e disegnati sullo sfondo del paesaggio dell’Alta Murgia. Stiamo progettando la nostra offerta turistica utilizzando processi creativi di differenziazione con lo scopo di dipingere un’immagine poetica di questa parte di Puglia che diventa fonte di ispirazione e palcoscenico per vivere esperienze immersive a stretto contatto con le risorse culturali e ambientali presenti nel nostro territorio. L’arte diventa per noi un modo per comunicare con i nostri ospiti e fornire loro nuovi strumenti di interpretazione del territorio e del paesaggio visitato; gli artisti ospitati in residenza hanno contribuito con il loro lavoro a dotare le nostre strutture di questi strumenti”.  Questa prima edizione conta anche sull’apporto di Sara Fiorella Abbadessa, Vincenzo de Bari, Rosa Dibenedetto, Pasquale Gadaleta, Francesca Loprieno, Luigi Loquarto, Ignazio Fabio Mazzola, Beatrice Mazzone, Grazia Palumbo, Fabrizio Riccardi e Alessandro Vangi. Sono gli autori di interventi “effimeri”, ideati dopo un temporaneo transito nelle strutture e in assoluta autonomia.

– Marilena Di Tursi

Bari//fino al 3 novembre 2020
Fabio Santacroce -Policy of the sun
NICO
Via Goffredo Mameli 18
+393280660507
www.spazionico.it

Goodnight Raffaele Fiorella Pier Alfeo
Torrechiara Torre Sassanello
Corato strada Esterna Tratturello Pedale
388.9950903
[email protected]

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marilena Di Tursi
Marilena Di Tursi, giornalista e critico d'arte del Corriere del Mezzogiorno / Corriere della Sera. Collabora con la rivista Segno arte contemporanea. All'interno del sistema dell'arte contemporanea locale e nazionale ha contribuito alla realizzazione di numerosi eventi espositivi, concentrandosi soprattutto sulla promozione dei giovani artisti pugliesi dal 1988 fino ad oggi. È autrice di numerose pubblicazioni e di testi critici di presentazione dell’opera di giovani artisti, contenuti in cataloghi redatti in occasione di mostre personali e collettive. Per conto della Fondazione Corriere della Sera, in qualità di membro del consiglio scientifico, ha curato cicli di incontri dedicati all’arte contemporanea nell’ambito dell’iniziativa “Da Est a Ovest Bari incontra il mondo” (2015/2016) e “Quanto è contemporanea l’arte contemporanea?” (2016, con Marco Scotini, Achille Bonito Oliva, Domenico Fontana, Marco Senaldi). Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari, con una tesi in Storia dell’arte contemporanea, ha conseguito la specializzazione triennale in storia dell’arte medievale e moderna presso l’Università “La Sapienza” di Roma e il titolo di Dottore di ricerca in Documentazione, catalogazione, analisi e riuso dei beni culturali presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari. Insegna Storia dell’arte nel locale Liceo artistico.