Il talento di Mr. Cucchi. In mostra a Roma

Simone Aleandri Arte Moderna, Roma – fino al 31 luglio 2020. Una piccola ma succosa mostra di opere su carta ci consegna un Enzo Cucchi in ottima forma. I lavori sono tutti recenti, l’insieme cattura anche in virtù di un allestimento sopraffino.

Sono tutti recenti i lavori di Enzo Cucchi (Morro d’Alba, 1949; vive a Roma) esposti a Roma in una piccola ma succosa mostra, dal titolo intrigantissimo. Si tratta di un corpus di opere su carta, di cui due totemiche, più una scultura di bronzo. Cuore del progetto è la strutturazione analogica di disegni che, incorporando sezioni di altri disegni, diventano oggetti eccedenti, tridimensionali.
L’immaginario tende a un figurale mistico e preconscio. Il grosso è costituito da piccoli lavori, dei quasi A4 (i centimetri mancanti si sentono in termini subliminali) che funzionerebbero alla perfezione come copertine di libri di Frazer o Jung.
L’insieme cattura, è un Cucchi scuro e caldo, quanto mai attratto dall’archetipico, capace di visioni alogiche ma sode, lumeggiate in modo magistrale. I limiti nell’ideare maschere ipnotizzanti alla De Dominicis sono bilanciati dalla formidabile capacità di Cucchi di innescare il fantasmatico per via pseudo-narrativa. Super catalogo e allestimento sopraffino.

Pericle Guaglianone

Evento correlato
Nome eventoEnzo Cucchi - Il Re Mago i Predicatori e gli Strimpelli Sabatali
Vernissage22/05/2020 no
Duratadal 22/05/2020 al 31/07/2020
AutoreEnzo Cucchi
CuratoreMario Finazzi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSIMONE ALEANDRI ARTE MODERNA
Indirizzovia di Monte Giordano, 26 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.