Art Basel Hong Kong apre online. Ecco come si svolgerà l’edizione virtuale

Tutto pronto per l’edizione online di Art Basel Hong Kong, che aprirà i battenti il 18 marzo per i Vip e il 20 marzo per il resto del pubblico. Con oltre duecento gallerie e duemila opere. Nel frattempo, ancora nessuna notizia da Basilea, dove la fiera resta programmata per giugno.

Art Basel in Hong Kong 2019 © Art Basel
Art Basel in Hong Kong 2019 © Art Basel

Art Basel Hong Kong, originariamente prevista dal 19 al 21 marzo, è stata la prima grande fiera d’arte ad annunciare la cancellazione, già all’inizio di febbraio, costretta dall’emergenza coronavirus. Nelle settimane successive, l’organizzazione è stata impegnata nella progettazione di un evento alternativo, da tenersi interamente online, per dare l’opportunità alle gallerie coinvolte di poter esporre comunque le proprie opere e, si spera, piazzare qualche affare. Anche se le ‘online viewing rooms’ non saranno in grado di rimpiazzare la fiera, speriamo fermamente che possano offrire un contributo valido a tutte le gallerie che sono state danneggiate dalla cancellazione dell’evento di marzo”, ha commentato Adeline Ooi, direttrice di Art Basel per l’Asia.

Art Basel in Hong Kong 2019 © Art Basel
Art Basel in Hong Kong 2019 © Art Basel

COME VISITARE LA FIERA E COMPRARE LE OPERE

Proprio come accade nelle fiere normali, la mostra online aprirà prima per i possessori della Vip card, dal 18 al 20 marzo, e resterà poi aperta al resto del pubblico dal 20 al 25. Tutte le gallerie che avevano prenotato la propria partecipazione prima dell’annullamento potranno usufruire del servizio a costo zero, solo per questa prima edizione. Non ci sarà la possibilità di comprare direttamente con un click, come succede nell’e-commerce, ma sarà necessario entrare in contatto con la galleria tramite un form e la transazione verrà successivamente gestita in autonomia al di fuori della piattaforma. Le risposte sono garantite entro 24 ore, ma la fiera ha incitato i galleristi a dare un feedback, quando possibile, nel giro di un’ora (fuso orario permettendo). Art Basel ha anche annunciato che la versione online verrà mantenuta anche ad emergenza conclusa, andando ad affiancare l’evento in presenza fisica e offrendo l’opportunità agli espositori di inserire contenuti aggiuntivi e opere extra.

Art Basel in Hong Kong 2019 © Art Basel
Art Basel in Hong Kong 2019 © Art Basel

LE GALLERIE COINVOLTE

Art Basel’s Online Viewing Rooms debutterà quindi tra pochi giorni con una line-up di 231 gallerie provenienti da 31 paesi (il 90% di quelle previste originariamente), con una maggioranza asiatica, per un totale di oltre duemila opere. I lavori esposti, che spaziano tra tutti i medium – pittura, scultura, disegno, installazione, fotografia e video – potranno avere un prezzo definito oppure solo una forbice di prezzo e il valore complessivo dichiarato ammonta a circa 253 milioni di dollari. Marc Spiegler, Global Director di Art Basel ha dichiarato: “è davvero eccitante osservare l’ampio spettro di approcci che le gallerie hanno adottato in questa occasione: da stand dedicati interamente a un artista emergente, a retrospettive di nomi storici. Ci fa ben sperare, in questi tempi difficili, vedere così tante gallerie impegnate a mostrare lavori di primissima qualità”. Tra i tanti partecipanti, non mancano i grandi nomi del sistema galleristico internazionale: da David Zwirner, che presenterà un focus sulla pittura (che prosegue anche sul sito della galleria), una nuova opera di Jeff Koons e lavori di Marlene Dumas, Chris Ofili e Neo Rauch. La White Cube ha annunciato opere di Zhou Li, Tracey Emin, Theaster Gates e Magnus Plessen, mentre Hauser & Wirth sarà presente con George Condo, Jenny Holzer e Pipilotti Rist. Nel frattempo, nessuna news giunge dal fronte europeo della fiera. Art Basel a Basilea resta infatti programmata per giugno, dal 18 al 21, anche se le notizie drammatiche che arrivano da tutto il mondo sull’espandersi del contagio fanno pensare che anche l’edizione svizzera sia destinata a traslocare online, a meno di un tentativo di rinvio a dopo l’estate.

https://www.artbasel.com/viewing-rooms

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.