Simone Forti e Radha May. L’arte è donna a Milano

ICA, Milano – fino al 2 febbraio 2020. Le mostre allestite all’ICA di Milano accendono i riflettori su alcune personalità femminili del panorama artistico odierno – Simone Forti e il collettivo Radha May. Tra performance e censura.

Simone Forti. Vicino al Cuore. Installation view at Fondazione ICA, Milano 2019. Photo Filippo Armellin
Simone Forti. Vicino al Cuore. Installation view at Fondazione ICA, Milano 2019. Photo Filippo Armellin

Per anni la coreografa e artista italo-americana Simone Forti (Firenze, 1935) ha osservato gli animali per i suoi esercizi di improvvisazione, forse inaugurando inconsciamente la stagione degli Animal Studies. L’osservazione delle strutture di movimento con cui gli animali si muovono hanno attratto l’artista al pari delle lezioni di Merce Cunningham, che portò Forti da Los Angeles a New York. Invece sono gli episodi di un suo viaggio a Roma ad aver ispirato la prima mostra di Forti in un’istituzione italiana, a cura di Chiara Nuzzi e Alberto Salvadori. Il soggiorno romano vide l’incontro con lo storico gallerista Fabio Argentini, il quale le offrì uno studio e con esso l’incontro con i felini del quartiere. L’artista ha continuato quel lavoro di studio locomotivo, meditativo ‒ mai puramente imitativo ‒ che dagli animali si espande sul corpo dei danzatori. La video-installazione Largo Argentina (1968-2012), le foto a colori dei gatti, la mosca disposta sulla superficie di un lightbox (Fly, 1969) narrano questa particolare prospettiva del suo lavoro. Le opere e l’atmosfera sono intime; oltre alle installazioni e agli scatti, la mostra documenta gli studi e l’analisi del movimento del corpo attraverso acquarelli e disegni. Ancora animali, semplici annotazioni, mantra visivi. Una sezione è composta di video di documentazione, tra cui alcuni storici come Sleep Walkers (1968-2017) e Three Grizzlies (1974), riflessioni sul comportamento degli animali e sulle sofferenze dovute alla loro cattività negli zoo. Infine un ciclo di performance svolte in date e orari prestabiliti ripropongono due azioni storiche concepite da Simone Forti nel 1961: Huddle e Censor.

Radha May. Installation view at ICA, Milano 2019. Photo Dario Lasagni
Radha May. Installation view at ICA, Milano 2019. Photo Dario Lasagni

IL COLLETTIVO RADHA MAY

In un’altra area dell’ICA, nel piccolo spazio nascosto nel cortile, è in corso la mostra del collettivo Radha May (Elisa Giardina Papa, Nupur Mathur, Bathsheba Okwenje), dal titolo When the Towel Drops, VOL 1|Italy, a cura di Claudia D’Alonzo.
Si tratta di un’installazione, a tratti minimal a tratti immersiva, di quello che è un “paradosso archiviale”. Il collettivo, infatti, mette in scena materiale cinematografico post-guerra censurato e dunque sottratto alla costruzione di un immaginario collettivo. La censura amministrativa e artistica rivela e documenta quello che non era accettato per i canoni del dopoguerra italiano in termini di sessualità femminile e queer. L’installazione mostra ‒ con luci rosa soffuse ‒ immagini digitalizzate da tagli di pellicola 35 mm recuperati dall’Archivio della Censura di Bologna e i dossier con i verbali della Commissione cinematografica per la censura. Questo materiale è stato lavorato dalle autrici e riproposto in forma di frammento per suscitare riflessioni e domande.

Sonia D’Alto

Evento correlato
Nome eventoSimone Forti - Vicino al Cuore
Vernissage28/11/2019 ore 18
Duratadal 28/11/2019 al 02/02/2020
AutoreSimone Forti
CuratoriAlberto Salvadori, Chiara Nuzzi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoICA MILANO - ISTITUTO CONTEMPORANEO PER LE ARTI
Indirizzovia Orobia 26 - Milano - Lombardia
Evento correlato
Nome eventoRadha May - When The Towel Drops Vol 1 | Italy
Vernissage28/11/2019 ore 18
Duratadal 28/11/2019 al 02/02/2020
CuratoreClaudia D’Alonzo
Generiarte contemporanea, collettiva, video
Spazio espositivoICA MILANO - ISTITUTO CONTEMPORANEO PER LE ARTI
Indirizzovia Orobia 26 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Sonia D'Alto
Sonia D’Alto è storica e critica dell’arte. Curatrice, scrive per diverse testate. Editor associata di un magazine indipendente francese, si occupa di una residenza a Marsiglia che accoglie artisti italiani e inglesi. È interessata alle tendenze Post-Internet, al New Materialism, alla Performance, all’immagine filmica e allo storytelling espositivo.