New York: la grande mostra di Yayoi Kusama alla galleria David Zwirner

La fila davanti alla galleria è sempre interminabile: il grande successo di Yayoi Kusama è riconfermato nella mostra della galleria newyorkese di David Zwirner. Vi raccontiamo com’è, tra ambienti conosciutissimi e nuove produzioni dell’artista.

Tatoi Kusama da Daviod Zwirner New York. ph. Magnani
Tatoi Kusama da Daviod Zwirner New York. ph. Magnani

C’è un feed in tempo reale all’account Twitter della galleria Zwirner a Chelsea per gestire il flusso straordinario di visitatori e quindi la lunga fila – che arriva spesso alle due ore – che si forma all’angolo tra la Ventesima Strada e l’Undicesima Avenue. L’occasione è la mostra del momento, quella che anticipammo qui, Every day I pray for love di Yayoi Kusama, la celebre artista giapponese che presenta un’ennesima versione delle sue Infinity room, degli spazi in cui le superfici riflettenti moltiplicano le prospettive. Ci siamo entrati la settimana scorsa, godendo dei 60 secondi che sono concessi ai quattro visitatori che entrano insieme.

LA MOSTRA DI YAYOI KUSAMA DA DAVID ZWIRNER

L’effetto è quello di una funhouse in cui le luci cangianti e le pareti a specchio danno l’illusione di uno spazio infinito. In realtà la mostra nella sua interezza presenta nuovi dipinti e nuove sculture. Kusama occupa una posizione unica nella storia dell’arte recente: dalla sua prima assimilazione pop art e minimalista degli anni ’60, ha creato un’opera personale che ha riscosso un successo planetario, sicuramente molto azzeccato nell’epoca di selfie e di esperienze instagrammabili. Chiaramente riconoscibili, le sue opere spesso impiegano elementi ripetitivi – come i punti – per evocare universi microscopici e macroscopici. La mostra introduce nuovi dipinti dell’iconica serie My Eternal Soul: una grande, nuova costellazione di sculture sul pavimento composta da quasi un centinaio di diversi elementi in acciaio inossidabile. Gli spettatori si muovono in un ambiente di forme organiche, simili a nuvole, nel cui riflesso viene catturato il pubblico, cosa che rafforza un’impressione di perpetuità. L’installazione che attira le folle, costituisce invece solo una parte dello show e prende il nome di INFINITY MIRRORED ROOM. DANCING LIGHTS TO FLOW TO THE UNIVERSE, 2019. La stanza offre un’esperienza immersiva e poetica. La mostra è accompagnata da un catalogo pubblicato da David Zwirner Books con testi e poesie dell’artista, molti dei quali inediti. 

– Francesca Magnani

Yayoi Kusama, Every day I pray for love
Fino al 14 dicembre
David Zwirner Gallery
537 West 20th Street, New York
https://www.davidzwirner.com/kusama

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Magnani
Francesca Magnani scrive e fotografa a New York dal 1997. Ha una formazione accademica in Classics e Antropologia alle università di Bologna, Padova, NYU; racconta con immagini e parole gli aspetti della vita delle persone che la toccano e raggiungono, al contempo raccontando la sua stessa vita.