Romaeuropa Festival 2019 al Mattatoio: le opere di Hans Op de Beeck e Pascale Marthine Tayou

Le immagini del progetto Exhibit a cura di Monique Veute, versione ad arte del festival romano. Con le opere di Pascale Marthine Tayou e Hans Op de Beeck

REf Pascale Marthine Tayou, Big Jumps photo credits Cosimo Trimboli
REf Pascale Marthine Tayou, Big Jumps photo credits Cosimo Trimboli

Romaeuropa Festival 2019 apre gli spazi “Exhibit”, sezione coordinata da Monique Veaute (presidente della Fondazione che promuove la manifestazione) con l’obbiettivo di porre l’attenzione sulle arti visive affiancandole a quelle performative che sono la ragione sociale del festival. Gli artisti protagonisti sono Pascale Marthine Tayou con Love Garden e Hans Op de Beeck. Quest’ultimo è presente in veste d’artista con il video Staging Silence e, in quella di regista teatrale con The Valley (an apocalypse), in collaborazione con il musicista Eric Sleichim. “Ci sono tre elementi che uniscono il lavoro dei due artisti”, ha dichiarato la Veaute. “La tematica del paesaggio, elemento modulato in maniera variegata, che entrambi gli artisti siano fiamminghi e che collaborino con la Galleria Continua, che ringraziamo per la produzione dell’esposizione.” I paesaggi di Hans Op de Beeck sono sia evocati che concreti e, in entrambi, il pubblico si perde in un viaggio interiore, cullato da musiche scelte dall’artista. Gli ambienti naturali e artificiali di Pascale Marthine Tayou sono dinamici e riflessivi, cercando di creare un ritratto della collettività andando a toccare tematiche importanti come la globalizzazione, la sostenibilità ambientale e l’immigrazione. Ecco le immagini degli interventi.

Valentina Muzi

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.