Apre a Roma “La Fondazione”. Il nuovo spazio debutta con Piero Golia

Le indiscrezioni parlano di una prima mostra dedicata a Piero Golia. Lo spazio? Sono 1000 metri quadri nel basement esattamente sotto alla sede della Galleria Gagosian. Mecenate di questo nuovo spazio espositivo privato? Nino Bevilacqua

Fondazione Roma

Nella ormai consueta atmosfera di surreale tristezza (il Comune da qualche giorno vieta ai turisti di sedersi sulla Scalinata di Piazza di Spagna, a breve verrà vietato loro direttamente di venire in città?) Roma potrebbe ritrovarsi dopo la pausa estiva con una piccola positiva novità riguardo allo scenario artistico.

ANCORA UNA FONDAZIONE PRIVATA A ROMA

La novità proverrà, manco a dirlo, come al solito dall’iniziativa privata. Del resto negli ultimi anni tutti i tentativi di innovazione e di nuova proposta culturale nella capitale sono arrivati da imprenditori o da associazioni, con una latitanza pressoché totale dell’amministrazione comunale che è stata a tratti inutile e a tratti perfino dannosa, basti vedere il pasticcio fatto con il Macro. E così dopo il Palazzo Merulana, il Rhinoceros della Fondazione Alda Fendi e Musja sarebbe in arrivo una nuova fondazione che, onomatopeicamente, prenderà il nome di “La Fondazione”.  Il luogo è piuttosto noto agli appassionati d’arte di Roma e non solo perché si tratta dello stesso palazzo che da anni ospita la sede capitolina della galleria Gagosian (peraltro a fianco della purtroppo trasandata Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea). Il basement dello stesso edificio, progettato dall’architetto Carlo Berarducci, è uno spazio commerciale rimasto vuoto per anni e ora finalmente – stando ai bene informati – destinato ad attività culturali.

Progetto Fondazione Roma
Progetto Fondazione Roma

LA FONDAZIONE DI NINO BEVILACQUA

Stiamo parlando di ben 1000 mq interrati, di cui circa 700 espositivi sempre modulati sulla forma ovale con la galleria Gagosian al piano di sopra. Non è ancora dato sapere quando “La Fondazione” aprirà, ma i nomi dei protagonisti sono trapelati sebbene ancora con il beneficio del dubbio. A capo dell’iniziativa ci sarebbe il palermitano Nino Bevilacqua: mentre tutti vanno a Palermo, lui viene a Roma. Non è la prima volta che Bevilacqua (grande imprenditore, grande manager, attento collezionista, professore universitario e produttore di vino sull’Etna) si cimenta nelle fondazioni d’arte contemporanea: nel 2008 fece debuttare nella sua Palermo GOCA che diede avvio ai lavori (poi molto rarefatti negli anni successivi) con una mostra di Vanessa Beecroft.

LA PRIMA MOSTRA CON PIERO GOLIA

Anche “La Fondazione” di Roma debutterà con un nome italiano-internazionale di rilievo: c’è chi è pronto a giurare infatti di aver visto Piero Golia aggirarsi a Via Crispi per qualche sopralluogo. La sua mostra – curata da Pier Paolo Pancotto che, raggiunto dai cronisti di Artribune per una conferma, si cela dietro a un muro di gomma di no comment – dovrebbe presentare infatti un’opera nuova, fatta appositamente per lo spazio. Fin qui le anticipazioni, passibili come tali di cambiamenti e modifiche. Appuntamento a dopo l’estate per l’ufficialità e, magari, per una intervista al nuovo mecenate.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.