Music is my radar. Sinae Yoo a Roma

The Gallery Apart, Roma – fino al 21 giugno 2019. Convincente seconda personale italiana per un’artista giramondo. In mostra un corpus di collage, un murale tra il medievale e il cartoonesco, una videoinstallazione che non si dimentica. Due i fil rouge: l’estetica bombastica delle muscle car e il potere metafisico della musica.

Seconda personale italiana per Sinae Yoo (Seul, 1985; vive a Berna), artista giramondo, per questo progetto operativa dagli States. La mostra è da non perdere. Ruota attorno all’estetica bombastica delle cosiddette muscle car e si sostanzia nel paradossale lirismo con cui Yoo osa addentrarvisi. Meravigliosa la videoinstallazione: il film tiene insieme respiro cinematico e passaggi di rara forza iconica (le lamiere di un’auto vibrano per le sollecitazioni groovose provenienti dal suo stesso abitacolo, una sigaretta-totem brucia misteriosamente da entrambe le parti). C’è poi un murale-stendardo, tra il medievale e il cartoonesco, inneggiante al potere metafisico della musica. In esso le note vergate da Hieronymus Bosch sui glutei di un personaggio del Giardino delle delizie accompagnano un motto eterno scritto con una speciale font ideata dall’artista. Pregevoli anche i collage, più scopertamente psichedelici, composti da dettagli automobilistici fusi con elementi incongrui.

Pericle Guaglianone

Evento correlato
Nome eventoSinae Yoo - Petrichor
Vernissage13/05/2019 ore 18
Duratadal 13/05/2019 al 21/06/2019
AutoreSinae Yoo
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoTHE GALLERY APART
Indirizzovia Francesco Negri 43 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.