Le fotografie di Lawrence Carroll. In Canton Ticino

Fondazione Rolla, Bruzella – fino al 1° settembre 2019. Il ricordo di Lawrence Carroll riecheggia nella mostra allestita alla Fondazione Rolla, che ne celebra gli scatti.

Tre giorni prima della sua morte, Lawrence Carroll (Melbourne, 1954 – Colonia, 2019) si trovava a Bruzella, un luogo rasserenante sopra Chiasso, nel Canton Ticino. Era a inaugurare, negli spazi dell’ex asilo della Fondazione Rolla, una raffinata mostra di fotografie, realizzate negli ultimi mesi. Le foto sono nate dopo un lungo viaggio attraverso gli Stati Uniti d’America verso una nuova città e una nuova casa. Chissà?
In memoria dell’artista e amico, Phil e Rosella Rolla hanno deciso di prorogare la mostra per un anno. Fiori, segni, cancellature, paesaggi di neve, alberi che richiamano persino certa fotografia pittorialista dell’inizio del XX secolo.
Un lavoro poetico, forte e delicato al tempo stesso, in cui, conoscendo il triste epilogo della storia, pare di poter intravvedere delle tracce di morte, ma anche le testimonianze di una vita. In quei lavori è possibile scorgere l’opera di Carroll, le presenze talvolta solo accennate, il senso profondo della materia, la poesia dei minimi, per citare Roberto Longhi.

Angela Madesani

Dati correlati
AutoreLawrence Carroll
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.