Night Fever. Al Centro Pecci di Prato in mostra il clubbing e la controcultura disco

Dagli anni Sessanta a oggi, l’esposizione esplora le espressioni di design, grafica e moda sviluppatesi nell’ambito dei night club italiani e internazionali. A partire dal leggendario Studio 54…

François Dallegret, Gruppo 9999, Halston, Keith Haring, Arata Isozaki, Grace Jones, Ben Kelly, Bernard Khoury, Mark Leckey, Miu Miu, OMA, Peter Saville, Studio65, Roger Tallon e Andy Warhol sono i protagonisti di Night Fever. Designing Club Culture 1960 – Today, mostra in programma dal 7 giugno al 6 ottobre al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato dedicata alle manifestazioni di design, grafica e moda sviluppatesi nello scenario della “controcultura” delle discoteche e dei night club dagli anni Sessanta a oggi. Attraverso film, fotografie d’epoca, manifesti, abiti e opere d’arte, l’esposizione racconta la storia del clubbing, a partire dai locali notturni italiani degli anni Sessanta creati dai membri del gruppo dei Radicali al leggendario Studio 54 di Ian Schrager a New York (1977-80); e poi da Les Bains Douches di Philippe Starck a Parigi (1978) al più recente Double Club di Londra, ideato dall’artista tedesco Carsten Höller per la Fondazione Prada, e il Ministry of Sound II di Londra progettato dallo studio OMA. La mostra comprende anche una serie di installazioni luminose e sonore che accompagneranno il visitatore in un viaggio all’insegna del glamour, delle sottoculture e della Saturday Night Fever. Ecco le immagini in anteprima.

– Desirée Maida

Evento correlato
Nome eventoNight Fever
Vernissage06/06/2019 ore 18 (la mostra sara’ visitabile fino alle 21:30 circa) dalle 22 nell’anfiteatro all’aperto ci sara’ un dj-set a cura di Club To Club
Duratadal 06/06/2019 al 06/10/2019
Generidocumentaria, design, fotografia, performance - happening, disegno e grafica, musica
Spazio espositivoCENTRO PER L'ARTE CONTEMPORANEA LUIGI PECCI
IndirizzoViale Della Repubblica 277 - Prato - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.