Fra storia e natura. Gli ibridismi di Latifa Echakhch a Roma

Fondazione Memmo, Roma – fino al 27 ottobre 2019. Memorie mediterranee si intrecciano nella produzione visiva di Latifa Echakhch, in mostra nella Capitale.

Latifa Echakhch. Romance. Installation view at Fondazione Memmo, Roma 2019. Photo Daniele Molajoli
Latifa Echakhch. Romance. Installation view at Fondazione Memmo, Roma 2019. Photo Daniele Molajoli

Latifa Echakhch, artista franco-marocchina (El Khnansa, 1974), giunge a Roma con il suo carico di memorie, riannodando i fili di un percorso concettuale sviluppato intorno alle coste del Mediterraneo, fra eredità arabe, sud-europee e orientali. Chi la conosce e ha avuto modo di vedere le sue mostre – non ultima Le Jardin Mécanique, a Villa Sauber, Monaco ‒ potrà ritrovare nell’esposizione Romance, curata da Francesco Stocchi alla Fondazione Memmo, i leitmotiv della sua ricerca artistica: il dualismo verità-artificio; le commistioni fra tradizioni autoctone e innesti “nomadici”, culminanti nella reinterpretazione di fatti e oggetti al di là di tempi e luoghi; il tema del colonialismo, nell’ambito sia culturale che dei métissage vegetali.

DAI GIARDINI ESOTICI ALLE STRATIFICAZIONI STORICHE

Nelle sale delle ex scuderie di Palazzo Ruspoli, dove la Fondazione ha sede, al cospetto dei fichi d’India e dei cactus che popolano esoticamente il cortile antistante, Echakhch ha disposto tentacolari tronchi d’albero realizzati in cemento secondo modalità tipiche dei giardini romantici ottocenteschi, là dove la mano dell’uomo gareggiava con la natura nella creazione di rocaille, ovvero false strutture arboree, rocce, grotte. Installazioni che s’incontrano ancor oggi nei parchi romani di Villa Borghese o dell’Istituto Svizzero.
A terra sono sparse in studiato disordine grandi foglie di platano dipinte e ritagliate dalla tela di fondali teatrali. “Il platano, originario del Mediterraneo orientale”, sottolinea Latifa “è stato trapiantato secoli fa nei giardini d’Occidente”. Fra i nodi dei tronchi, l’artista ha sostituito alle foglie cadute oggetti trovati al mercato di Porta Portese – “amo rovistare nei mercati a cielo aperto”, dice ‒ o nei suoi viaggi.

Latifa Echakhch. Romance. Installation view at Fondazione Memmo, Roma 2019. Photo Daniele Molajoli
Latifa Echakhch. Romance. Installation view at Fondazione Memmo, Roma 2019. Photo Daniele Molajoli

DIMENSIONE DOMESTICA E VISSUTO COLLETTIVO

Talvolta tali trouvaille s’identificano con il vissuto individuale – gocce di lampadari in cristallo considerate espressione di lusso domestico, lembo di tappeto o lanterna islamici, “cose che non sono mai state nella mia casa, ma che richiamano le mie origini”, precisa l’artista; talaltra materializzano, emblematizzandola, la sua idea di faux attraverso un luccicante bijou da palcoscenico o una gigantesca conchiglia kitsch all’interno delle cui valve fioriscono ibride, irreali corolle multicolori. I tronchi si sono arricchiti dunque di “gemme” artificiose, allusive a storie di intere generazioni che hanno trasmesso il loro bagaglio esperienziale attraverso stratificazioni di manufatti, estrapolati dalla quotidianità come dal mondo della finzione e del sogno. “Secondo processi intuitivi, illogici, i più apprezzabili nel lavoro di Latifa”, conclude Francesco Stocchi.

Alessandra Quattordio

Evento correlato
Nome eventoLatifa Echakhch - Romance
Vernissage02/05/2019 ore 18
Duratadal 02/05/2019 al 27/10/2019
AutoreLatífa Echakhch
CuratoreFrancesco Stocchi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFONDAZIONE MEMMO ARTE CONTEMPORANEA – SCUDERIE DI PALAZZO RUSPOLI
IndirizzoVia di Fontanella Borghese 56/b 00186 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alessandra Quattordio
Alessandra Quattordio, storica dell’arte e giornalista indipendente, ha esordito a fine Anni Settanta come curatrice dei cataloghi d’arte e fotografia editi dalla Galleria del Levante a Milano. Dopo la laurea in Storia dell’arte all’Università Statale di Milano, inizia a collaborare a riviste - fra cui D’Ars, Flash Art, Arte, Arte In, Meridiani - e a pubblicazioni del settore. Cura la presentazione di artisti e mostre, attività ancora oggi svolta. Ha insegnato Storia del Gioiello all’Istituto Europeo di Design, all’Istituto Superiore di Architettura e Design (ISAD) e al Politecnico di Milano. È stata a lungo caposervizio presso le Edizioni Condè Nast. In particolare, dal 1999 al 2015 presso AD Architectural Digest, occupandosi di arte, fotografia, design, interior e design del gioiello.