Gli opposti di Veronica Paretta e Alberto Marci. A Cagliari

Spazio InVisibile, Cagliari ‒ fino al 26 aprile 2019. In un dialogo sui dualismi universali, gli artisti cagliaritani Alberto Marci e Veronica Paretta si misurano accomunati dal colore nero.

È un sottile gioco di opposti, di tensioni e rimandi, la bipersonale attraverso la quale Alberto Marci e Veronica Paretta, entrambi nati a Cagliari nel 1985, si confrontano. Bene e male, luce e oscurità, vita e morte, giorno e notte, maschile e femminile sono gli aspetti sviscerati dal raffronto, dal momento che qualcosa esiste solo in relazione al suo opposto. È infatti impossibile cogliere la luce se non è presente la sua antitesi, ovvero l’ombra, e viceversa.
E questo gli artisti lo hanno ben capito e restituito nel progetto curato da Ilaria Medda. Quattro grandi opere su tessuto e una serie di piccole opere su tela realizzate a quattro mani, dove è il nero a farla da protagonista alludendo al lato oscuro dell’umanità, dialogano tra loro fra contrapposizione e armonia. Perché l’armonia dei contrari decreta ordine in un continuo gioco di opposti.
Ed ecco che i segni sinuosi e ondeggianti di Veronica Paretta sono il pretesto per esplorare la potenzialità espressiva della linea con l’obiettivo di mettere ordine al caos, mentre Alberto Marci, attraverso la candeggina, lascia emergere il segno sciogliendone i contorni ripristinati solo dalla sovrapposizione di pittura e tecniche a stampa. Il tutto per riflettere sul concetto di dualismo tra complementarità e opposizione.

Roberta Vanali

Dati correlati
AutoriAlberto Marci, Veronica Paretta
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.