La nuova Città del Sole. Ludovica Carbotta a Torino

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino ‒ fino al 6 ottobre 2019. Nell’ambito del Grand Tour Contemporaneo – programma di mostre ed eventi dedicati all’arte contemporanea italiana promosso dal Comitato Fondazioni Arte Contemporanea – la personale “Monowe” di Ludovica Carbotta, presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, progetta e concepisce un modello urbanistico ideale e individuale. Il prospetto evolutivo, in corso dal 2016, è stato realizzato in collaborazione con il collettivo di architetti Orizzontale.

Ludovica Carbotta. Monowe. Exhibition view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2019. Photo credits Giorgio Perottino
Ludovica Carbotta. Monowe. Exhibition view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2019. Photo credits Giorgio Perottino

Una pluralità di mezzi espressivi: installazioni scultoree e sonore abbinate ad azioni performative; opere di letteratura utopistica e fantascientifica; documenti di speculazione edilizia e analisi sociologica. Ogni strumento comunicativo permane coinvolto in rapporto dialettico con l’architettura e le sue tecniche per delineare puntualmente, frammento per frammento – la porta di accesso, la fabbrica, il museo, la torre di guardia, il tribunale – la città ideale nella sua totalità: Monowe, nomen omen composto da “mono” e “we” (da un soggetto “solo” che si protrae nella ripetizione inservibile della pluralità). Un organismo urbano inesorabilmente in divenire, che riflette la condizione di sofisticata emarginazione del soggetto contemporaneo, in balia sia di una istintiva quanto cavillosa strategia di auto-conservazione, sia di una luminosa e spontanea speranza di sopravvivenza futura.

Ludovica Carbotta. Monowe. Exhibition view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2019. Photo credits Giorgio Perottino
Ludovica Carbotta. Monowe. Exhibition view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2019. Photo credits Giorgio Perottino

DA CAMPANELLA ALLA CARBOTTA

Impossibile non rimembrare, a tal proposito, la pioneristica Città del Sole (1602 ca.) di Tommaso Campanella, opera letteraria bilancio della vita intellettuale del filosofo e al contempo anticipazione delle riflessioni teoriche della collettività a lui successiva. Se da una parte la Civitas Solis è frutto dell’idealizzazione della “storia meschina di una insurrezione fallita, ma palpitante ancora della vita, degli ideali, o meglio delle illusioni che ad essa avevano condotto”, dall’altra dilaziona un “riecheggiamento dell’azione”, un annuncio di un’opera futura che, tra scienze naturali e applicazioni tecnologiche, promuove i fondamenti dell’arte come chiavi di lettura per comprendere le forze e i segreti che governano il mondo.
Nella Città del Sole, il reggitore delle cose spirituali e di quelle temporali è il Principe Sacerdote, metafora del filosofo sapiente che amministra Potenza, Sapienza e Amore: così l’artista demiurgo che governa Monowe sovrintende un nuovo ordine di concetti – Isolamento, Memoria e Opportunità.
Alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo Ludovica Carbotta (Torino, 1982) rianalizza con oscillante enciclopedismo – affrontando possibili pedanterie – le costruzioni e le funzioni degli edifici, risaltando la ponderosa autorità della tradizione contro uno stato sublimato della società, che vede collassare tutti i ruoli in individualismo allo stremo del provvisorio, precario e problematico avvenire.

Federica Maria Giallombardo

Evento correlato
Nome eventoLudovica Carbotta - Monowe
Vernissage15/04/2019 ore 19
Duratadal 15/04/2019 al 06/10/2019
AutoreLudovica Carbotta
CuratoreIrene Calderoni
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
IndirizzoVia Modane 16 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Maria Giallombardo
Federica Maria Giallombardo nasce nel 1993. Consegue il diploma presso il Liceo Scientifico Tradizionale “A. Avogadro” (2012) e partecipa agli stage presso l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Biella (2009-2012). Frequenta la Facoltà di Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Torino, laureandosi nel 2016 con una tesi di ricerca di Filologia Italiana sull’epistolario di Vittorio Alfieri. Partecipa come relatrice alla X edizione della Scuola di Alta Formazione “Cattedra Vittorio Alfieri” nel settembre 2016. Collabora con la Fondazione Centro Studi Alfieriani e con Palazzo Alfieri. È associata alla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze. Scrive recensioni per la webzine «OUTsiders». In occasione di Artissima 2016, partecipa al progetto “Ekphrasis 21”. Collabora con diversi artisti, tra cui Giuseppe Palmisano, Massimo Brunello e Stefania Fersini, dei quali cura il portfolio e i comunicati stampa.