Questione di fede. Iaia Filiberti a Cannobio

Palazzo Parasi, Cannobio ‒ fino al 5 maggio 2019. Fede religiosa ed estetica contemporanea si mescolano nell’opera di Iaia Filiberti esposta al Palazzo Parasi di Cannobio.

Quello che la milanese Iaia Filiberti propone a Palazzo Parasi di Cannobio, il suo recente Cappelline, non è un lavoro fotografico, nonostante l’apparenza. La sua non è una ricerca linguistica. Si tratta piuttosto di un lavoro installativo, in cui l’artista è protagonista in una particolare accezione della performance. La fotografia serve a documentare, diviene strumento di registrazione.
Nelle sue opere c’è sempre, o quasi, un riferimento biografico. Qui è una testimonianza di fede nella religione cattolica. L’artista è, infatti, colta, sempre di spalle, mentre si inginocchia di fronte alla Madonna all’interno di piccole cappelle votive. È vestita con i suoi abiti coloratissimi, i suoi tacchi spesso molto alti, le unghie colorate. Un’apparente trasgressione che così non è, anzi. Cappelline è un modo di raccontarci un aspetto portante della sua vita che può rimandare alla vita di molti, che qui contempla la presenza di un oggetto architettonico decisamente desueto. E l’ironia? A ciascuno la sua lettura.
Un piccolo catalogo con i testi di Marina Mojana e Giulia Ceriani accompagna la mostra.

Angela Madesani

Evento correlato
Nome eventoIaia Filiberti - Cappelline
Vernissage30/03/2019 ore 17
Duratadal 30/03/2019 al 05/05/2019
AutoreIaia Filiberti
Generifotografia, personale
Spazio espositivoPALAZZO PARASI
IndirizzoVia Giovanola Lago Maggiore - Cannobio - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.