Intrecci fra arte e manifattura. Alle porte di Firenze

Sedi varie, Scandicci – fino al 25 aprile 2019. Gli esiti del secondo ciclo del progetto” DOPPIO CIRCUITO ‒ Cantieri d’Arte, Design e Artigianato” rivelano la fecondità del rapporto tra il comparto manifatturiero locale e l’arte contemporanea. Senza paura di addentrarsi nello spazio urbano e in luoghi ad alta frequentazione.

L’unico edificio costruito dall’architetto Richard Rogers nella natia Toscana è in Piazza della Resistenza, a Scandicci. Intitolato al coprogettista del Centre Pompidou, è un auditorium e sta accogliendo le opere che David Casini, Claudia Losi e Sabrina Mezzaqui ‒ scelti dal curatore Matteo Zauli per la II edizione di DOPPIO CIRCUITO ‒ Cantieri d’Arte, Design e Artigianato ‒hanno realizzato a partire dallo scorso autunno, gomito a gomito con gli artigiani locali. Diverse realtà, attive nei comparti moda, pelletteria e ceramica, distribuite nell’area tra Montelupo Fiorentino e Scandicci, hanno aperto le proprie sedi ai tre artisti per un processo di co-creazione unico e irripetibile. In nessun altro distretto produttivo Mezzaqui avrebbe potuto creare le lettere e le ciotole in ceramica della sua “poesia visiva e sonora” o il magnifico mandala metallico; non sarebbero nati i vasi, rotti e sformati, con cui Losi prosegue la sua ricerca sulle potenzialità della memoria; Casini non avrebbe potuto trasformare il capolinea della tramvia in un luogo con tutti i connotati tecnici per accogliere un concerto rock dal vivo.

Valentina Silvestrini

Evento correlato
Nome eventoDoppio Circuito
Vernissage06/04/2019 ore 19,30
Duratadal 06/04/2019 al 25/04/2019
Generearte contemporanea
Spazio espositivoAUDITORIUM DI SCANDICCI
IndirizzoPiazzale della Resistenza - Scandicci - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.