Start’19 celebra la scultura (in tempo reale e virtuale) in 75 sedi di 21 paesi del mondo

Decima edizione della Giornata Internazionale della Scultura Contemporanea, ideata dall’organizzazione no-profit Sculpture Network, che riunisce addetti ai lavori e pubblico generico amante dell’arte tridimensionale

Museum of Contemporary Art Zagreb
Museum of Contemporary Art Zagreb

Ricorre dal 2010 la Giornata Internazionale della Scultura Contemporanea che si celebra simultaneamente in 21 paesi del mondo. L’evento in questione, che si chiama Start’19 ideato  da  Sculpture  Network – Organizzazione Internazionale per  la promozione della  Scultura – giunge quest’anno alla sua decima  edizione e, per l’occasione, coinvolgerà oltre 5mila persone tra studenti, artisti, gallerie, studiosi d’arte, critici, musei, fondazioni ed amanti della scultura, che si riuniranno in oltre 70 sedi, disseminate in Europa e oltre, per scambiarsi idee, organizzare workshop, incontri, tavole rotonde e godere della scultura in tutte le sue varietà.

IL TEMA

Il tutto sotto il filo conduttore del tema di quest’anno: Arte tridimensionale e società. “Per me, start’19 è un format di eventi così speciale perché unisce gli addetti ai lavori e il pubblico generico”, dichiara Isabelle Henn, membro del consiglio di amministrazione di Sculpture Network. “Non sono solo professionisti, ma persone provenienti da contesti molto diversi che collaborano insieme, uniti da una comune passione per l’”arte tridimensionale”. Questo crea uno scambio vivace tra persone di diverse nazioni, professioni e gruppi di età. In questo modo, l’”arte tridimensionale” incoraggia le persone a mettersi nei panni di qualcun altro, a volte mettendo in discussione le proprie prospettive consolidate“.

LE SEDI

Quest’anno  saranno 75 le sedi – coinvolte da quest’organizzazione senza scopo di lucro per il sostegno, l’incoraggiamento e la promozione della scultura contemporanea che proprio quest’anno festeggia il suo 15° anniversario – in 21 paesi diversi: Bangladesh, Germania, Danimarca, Finlandia, Francia, Grenada, Grecia, Gran Bretagna, India, Italia, Croazia, Paesi Bassi, Austria, Polonia, Portogallo, Svezia, Svizzera, Serbia, Spagna , Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti; tra le istituzioni figurano Haus der Kunst Munich, Belvedere Vienna, Museo di Arte Contemporanea Zagreb, dall’Italia Palazzo Bembo a Venezia e la Galleria Edieuropa a Roma: ogni location sarà collegata virtualmente da un PhotoWall sul quale condividere in tempo reale le impressioni della giornata. I contenuti pubblicati con l’hashtag #start19 potranno essere, infatti, visualizzati dai visitatori di tutto il mondo nello spazio virtuale ed in tempo reale sugli schermi e sul sito di Sculpture Network.

Claudia Giraud

https://sculpture-network.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).