Quadriennale di Roma verso il 2020. Ecco come si sta preparando l’istituzione

Primi bilanci per l’istituzione romana che, diretta da Sarah Cosulich, si prepara alla prossima edizione della Quadriennale del 2020

Stefano Collicelli Cagol e Sarah Cosulich foto Dario Muzzarini
Stefano Collicelli Cagol e Sarah Cosulich foto Dario Muzzarini

Con un evento rivolto alla stampa svoltosi a Villa Carpegna, sede della propria Fondazione, negli scorsi giorni la Quadriennale di Roma ha riflettuto su se stessa, facendo i primi bilanci dell’appena iniziato triennio 2018-2020, sotto la direzione artistica di Sarah Cosulich, eletta nel novembre 2017. Con uno sguardo rivolto al futuro, ovvero alla prossima edizione della Quadriennale, che si terrà dall’1 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021, l’istituzione presieduta da Franco Bernabè ha inoltre dato qualche anticipazione sulla prossima Quadriennale, che vedrà per la prima volta la presenza di due curatori, la già citata Cosulich e Stefano Collicelli Cagol. Inoltre gli uffici della Quadriennale, che attualmente si trovano a Villa Carpegna, dovrebbero spostarsi all’ex Arsenale pontificio.

I BANDI DELLA QUADRIENNALE

Tra le iniziative più interessanti che contraddistinguono il triennio di direzione di Sarah Cosulich, sono i progetti Q-Rated e Q-International, di cui la direttrice ci aveva parlato in questo articolo. “Con Q-Rated e Q-International la Quadriennale desidera contribuire con una strategia concreta e continuativa al sistema dell’arte nel nostro paese”, raccontava ad Artribune Cosulich. “Vogliamo diventare un punto di riferimento, un luogo di incontro, un partner per gli artisti e anche per le istituzioni. Entrambe sono iniziative che ci permetteranno di conoscere, scoprire e approfondire il lavoro di molti artisti rappresentando quindi anche un effettivo strumento di ricerca e percorso di avvicinamento alla mostra”. Q-rated è un progetto che prevede tre workshop annuali, ciascuno della durata di tre giorni, tenuti da tre importanti curatori e artisti internazionali e aperti a giovani artisti e curatori italiani selezionati attraverso un bando. I workshop si tengono sempre in città italiane diverse; nel 2018, i workshop si sono tenuti a Roma, Lecce e Torino coinvolgendo quasi 60 giovani artisti e curatori da tutta Italia. Q-International è un progetto destinato a sostenere le iniziative espositive realizzate da istituzioni straniere che coinvolgono artisti italiani, per promuoverne presenza e visibilità all’estero, attraverso uno specifico bando semestrale aperto a musei, fondazioni e istituzioni per l’arte. Il primo bando ha sostenuto realtà da 10 paesi del mondo che espongono artisti italiani: dal New Museum di New York al Centro d’Arte Contemporanea di Singapore, dal VanAbbe Museum di Eindhoven al Point Centre di Nicosia.

LA PROSSIMA QUADRIENNALE

Naturalmente l’attenzione e la curiosità sono rivolte alla prossima edizione della Quadriennale, di cui sono state svelate alcune novità. La 17a Quadriennale d’Arte inaugurerà a Palazzo delle Esposizioni l’1 ottobre 2020 e sarà curata dal direttore artistico della Quadriennale Sarah Cosulich con il curatore Stefano Collicelli Cagol. Per la prima volta l’evento espositivo dell’istituzione vedrà una curatela unificata, con l’obiettivo di presentare un progetto incisivo che possa attirare l’interesse internazionale sull’arte italiana. Alla grande mostra del 2020, come ha dichiarato il Presidente Bernabè, sarà dedicato spazio ad artisti storicizzati che hanno lavorato con il design e il suono.

– Desirée Maida

Dati correlati
CuratoriSarah Cosulich Canarutto, Stefano Collicelli Cagol
Spazio espositivoQUADRIENNALE DI ROMA - VILLA CARPEGNA
IndirizzoPiazza Di Villa Carpegna - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.

LEAVE A REPLY