Natura e precarietà. Marinus Boezem a Milano

Galleria Fumagalli, Milano ‒ fino al 5 aprile 2019. La galleria milanese ospita la prima personale in Italia, dal 1978 a oggi, di Marinus Boezem. Con un progetto site specific.

Fu un anno cruciale, il 1969, per Marinus Boezem (Leerdam, 1937). Artista concettuale ‒ protagonista dell’Arte Povera e della Land Art olandesi con Dibbets e Van Elk ‒, in quell’anno, fra l’altro, partecipò alla memorabile mostra When Attitudes Become Form curata da Harald Szeemann a Berna. Oggi l’artista visionario (negli Anni Settanta, camuffato da uccello, si librava sotto le volte di una cattedrale gotica) ha tracciato alla Galleria Fumagalli di Milano, per il progetto Bird’s-eye view, la pianta della Basilica di San Francesco di Assisi disponendo a terra semi destinati a ipotetici volatili che, portati dal vento sui rami affioranti dalle pareti, potrebbero cibarsene, sancendo la precarietà che la natura impone nei confronti delle espressioni della cultura.
In mostra anche il video A volo d‘uccello ‒ cattedrale disegnata con l’erba sul tetto dello studio di Middelburg ‒ e altre opere dedicate all’“effimero” (God Bless you, 1971-2013, e The Vanishing of the Artist, 2019).

Alessandra Quattordio

Evento correlato
Nome eventoMarinus Boezem - Bird’s-eye view
Vernissage22/01/2019 ore 18,30
Duratadal 22/01/2019 al 05/04/2019
AutoreMarinus Boezem
CuratoreLorenzo Bruni
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA FUMAGALLI
IndirizzoVia Bonaventura Cavalieri, 6, 20121 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alessandra Quattordio
Alessandra Quattordio, storica dell’arte e giornalista indipendente, ha esordito a fine Anni Settanta come curatrice dei cataloghi d’arte e fotografia editi dalla Galleria del Levante a Milano. Dopo la laurea in Storia dell’arte all’Università Statale di Milano, inizia a collaborare a riviste - fra cui D’Ars, Flash Art, Arte, Arte In, Meridiani - e a pubblicazioni del settore. Cura la presentazione di artisti e mostre, attività ancora oggi svolta. Ha insegnato Storia del Gioiello all’Istituto Europeo di Design, all’Istituto Superiore di Architettura e Design (ISAD) e al Politecnico di Milano. È stata a lungo caposervizio presso le Edizioni Condè Nast. In particolare, dal 1999 al 2015 presso AD Architectural Digest, occupandosi di arte, fotografia, design, interior e design del gioiello.