Inaugura la fiera Untitled a Miami Beach: vincono l’Africa e il Nuovo Mondo. Le immagini

Siamo stati all’opening di Untitled, una delle principali fiere collaterali dell’art week di Miami Beach. Si svolgerà fino al 9 dicembre. Ecco le prime immagini.

Galleria: The Hole; opere di Eric Shaw.
Galleria: The Hole; opere di Eric Shaw.

Tra le prime ad inaugurare nell’ambito della settimana dell’arte di Miami è la settima edizione di Untitled, una delle fiere principali che fanno da corollario ad Art Basel MB. Untitled ha appena inaugurato e va avanti fino a domenica 9 dicembre. La fiera, che dal 2017 ha una gemella a San Francisco, nasce con l’idea di attraversare i confini delle discipline artistiche accogliendo gallerie capaci di muoversi su un ampio spettro di linguaggi culturali e mediatici. In un allestimento che si integra con gli spazi del padiglione espositivo sulla spiaggia di Miami Beach e che non indulge troppo nell’”instagrammabilità” che è spesso la cifra del successo delle fiere d’arte degli ultimi anni, trovano spazio opere e artisti che riescono a comporre un ampio spaccato di quello che oggi l’arte può rappresentare, passando da opere di dichiarato impegno a operazioni più ludiche e leggere. Nel carosello composto dalle 134 gallerie partecipanti, spicca la forza energica e vera dell’arte africana (come anche della diaspora) che sembra avere ancora tanto da dire. E dall’Africa, come dal Sud America, emerge un bisogno di tornare all’arte come artigianato, come tecnica e saper fare, arte che attinge ai saperi tradizionali reinterpretandoli in una chiave moderna e allo stesso tempo orgogliosamente etnica e, in quanto tale, unica ed autentica. In questo scenario, il vecchio continente resta eclissato, quasi in cerca di una voce che stenta ad emergere nella chiassosa energia di una creatività che non si fa problemi a varcare confini, mescolare generi e strillare messaggi.

Maurita Cardone

Miami Beach// dal 5 al 9 dicembre 2018
Untitled
Ocean Dr &, 12th St

https://untitledartfairs.com/miami-beach

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Maurita Cardone
Giornalista freelance, abruzzese di nascita e di carattere, eterna esploratrice, scrivo per passione e compulsione da quando ho memoria di me. Ho lavorato per Il Tempo, Il Sole 24 Ore, La Nuova Ecologia, QualEnergia, L'Indro. Dal 2011 New York è il posto che chiamo casa e che nutre senza sosta la mia curiosità. Qui per quattro anni ho codiretto il giornale italiano La Voce di New York e mi sono appassionata del carosello di storie che fanno la ricchezza di questa città.