Gli studenti dello IED aprono la open call (un)BOXED rivolta agli artisti di tutto il mondo

Gli studenti del master in Arts Management dello IED aprono (un)BOXED, una open call rivolta agli artisti di tutto il mondo. Abbiamo parlato con una delle rappresentanti del collettivo Alessia Fortunato che ci ha raccontato il progetto. Ecco come partecipare.

Gli studenti dello IED aprono la open call (un)BOXED

Gli studenti del master in Arts Management dello IED chiamano a rapporto gli artisti di tutto il mondo con un’open call che desidera indagare il concetto di genere nella società contemporanea. Abbiamo parlato con Alessia Fortunato, tra le rappresentanti del collettivo.

LA MOSTRA A FIRENZE

“Il Master dello IED si è svolto tra Firenze e Roma e ci ha dato la possibilità di farci conoscere due città profondamente diverse”, racconta Alessia Fortunato ad Artribune, “siamo un gruppo eterogeneo con studenti che arrivano da ogni parte del mondo e per noi è stata una grande ricchezza che ci ha permesso di confrontarci e crescere professionalmente. A giugno abbiamo organizzato a Firenze una mostra ‘This must be us’ presso la Robert F. Kennedy International House for Human Rights, in collaborazione con Palazzo Strozzi, che ci ha dato un budget, e Accademia di Belle Arti, California State University, Fondazione Studio Marangoni e LABA – Libera Accademia di Belle Arti. In questo caso abbiamo analizzato il concetto di identità collettive e i diversi quesiti che ne derivano. Il risultato è stata un’esposizione con artisti internazionali che provenivano dagli USA, dalla Cina fino all’Europa”.

L’OPEN CALL

“Dopo aver finito la nostra esperienza a Firenze ci siamo trasferiti nella Capitale, a Roma”, aggiunge sempre Alessia Fortunato, “e abbiamo pensato di aprire una Open Call – (un)BOXED – che coinvolge artisti internazionali, senza limitazioni”. Possono partecipare gruppi oppure singoli. Il tema su cui si dovranno cimentare sarà il genere nella società contemporanea e potranno presentare progetti che spaziano dalla performance alle installazioni.“Inoltre desideriamo anche proporre un workshop che possa coinvolgere il pubblico e dare una maggior risonanza all’argomento che abbiamo scelto. Gli artisti avranno modo di entrare in relazione con un nuovo e stimolante ambiente culturale e acquisire maggiore visibilità a livello locale ed internazionale”. Il bando scade l’11 novembre e la giornata in cui si svolgerà l’evento finale sarà il 13 dicembre presso Carrozzerie | n.o.t a Testaccio.“Non organizzeremo una mostra, ma questa giornata conclusiva che si aprirà con un momento collettivo che coinvolgerà tutto il quartiere”.

-Valentina Poli

Per partecipare compilare: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSfb8WpxrcjdUFB4tmcU1tBNePNtx1asdybY-5rbhpZKZ7VOkg/viewform

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.