Le cattedrali di Michael Johansson. A Milano

The Flat, Milano ‒ fino all’11 maggio 2018. La galleria milanese presenta l’evoluzione della ricerca dell’artista nato in Svezia nel 1975. Nella mostra “Alternative Readings”.

Il presente è dominato dagli oggetti. Grandi quantità di cose che riempiono le nostre vite, i nostri vuoti, le nostre case. Anneghiamo, nello spazio pubblico come in quello privato, nel superfluo, nella sovrabbondanza, nel grande flusso di plastica, metallo, vetro, forme, cifra della nostra esperienza quotidiana. In questo caos, un artista come Michael Johansson (Trollhättan, 1975) cerca di mettere ordine congelando (e defunzionalizzando) le reliquie del Capitalismo in costruzioni immanenti, senza tempo.
Nella mostra personale presso The Flat, sua galleria a Milano, l’artista svedese presenta una serie di opere che descrivono l’evoluzione della sua ricerca, architetture e cattedrali del presente che cercano una sintesi mettendo insieme oggetti “della stessa famiglia”. Non mancano talvolta di indulgere in un’estetica vintage (ad esempio in Déjà vu, che comprime ventiquattrore e borselli in pelle nera) o nelle trasparenze, come in Trasparent crossfade, portando la sua pratica alle estreme conseguenze. Lontane da Schwitters e Rodia, le cattedrali di Johansson, spesso monumentali, sono una risposta razionale all’idea di un accatastamento passionale, regalando rigore, forma, composizione, laddove apparentemente regna la confusione.

Santa Nastro

Evento correlato
Nome eventoMichael Johansson - Alternative Readings
Vernissage22/03/2018 ore 18
Duratadal 22/03/2018 al 11/05/2018
AutoreMichael Johansson
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoTHE FLAT - MASSIMO CARASI
IndirizzoVia Paolo Frisi 3 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.