Le eclettiche sperimentazioni di Aldo Mondino. A Firenze

Galleria il Ponte // Galleria Santo Ficara, Firenze ‒ fino al 14 aprile 2018. Le due gallerie fiorentine rendono omaggio al torinese Mondino. Sperimentatore controcorrente, capace di rielaborare in maniera autonoma le istanze del proprio tempo.

Aldo Mondino, Varazze, 1964
Aldo Mondino, Varazze, 1964

Se volessimo etichettare l’arte di Aldo Mondino (Torino, 1938-2005) ci troveremmo in seria difficoltà. Forse l’unico modo è prendere a prestito il titolo della retrospettiva del 2016 a Villa Croce a Genova: “moderno, post-moderno, contemporaneo”. Partendo dal Surrealismo, “suo primo grande amore”, Mondino è diventato sperimentatore eclettico e controcorrente, citazionista irriverente, che ha fatto dell’ambiguità e del paradosso la vera cifra stilistica del suo operare.

LE MOSTRE IN GALLERIA

Gli rendono omaggio a Firenze le gallerie Il Ponte e Santo Ficara che, in collaborazione con l’archivio Aldo Mondino, hanno riunito più di quaranta opere dal 1963 al 2004, attraverso cui poter seguire alcuni passaggi fondamentali del percorso artistico di Mondino. Il Ponte propone un focus sugli Anni Sessanta e Settanta, ricostruendo le personali dell’artista alla Galleria di Gian Enzo Sperone a Torino e alla galleria La Salita di Gian Tomaso Liverani a Roma del 1964.
Spicca per numero la serie delle Quadrettature, opere su supporto di masonite o tela divise in due parti, che richiamano gli album da colorare dei bambini. Mondino lascia la parte alta del quadro vuota, pronta per un’interpretazione da parte dell’osservatore, corredando il tutto con una scatola di pastelli o matite, per invogliare all’azione. Già qui è chiaro il tipo di approccio alle correnti artistiche con cui si rapporta, che siano le Avanguardie storiche o le nuove tendenze del dopoguerra: un recepimento delle istanze che vengono rielaborate in modo autonomo con modi e strumenti ogni volta nuovi e imprevedibili.

Aldo Mondino, Pittore di insegne, 2001
Aldo Mondino, Pittore di insegne, 2001

UNA PRODUZIONE ECLETTICA

Santo Ficara, legato a Mondino fin dagli Anni Novanta, inaugura la sua nuova sede mostrando opere che provengono dall’archivio storico della galleria e da cui è possibile percepire in modo chiaro l’eclettismo della produzione: dal tappeto a mosaico Calpestare le uova (2003), che reca la famosa immagine della Madonna e delle uova di Casorati, al Pittore d’insegne (2001), a Tauromachia (2003), a Eldorado, skyline di New York fatto con un mosaico di cioccolatini.
Dal 1985 Mondino inizia i cicli legati ai viaggi e dal 1990 si concentra sui temi orientali, fra le serie più famose della sua produzione, di cui in mostra Danza Sufi (2004), che ritrae i dervisci danzanti, e quattro opere della serie degli Iznik, dipinti su vetro ispirati ai motivi tradizionali della ceramica turca. Opere anticonvenzionali a metà fra mondo pop e arte concettuale, capaci di creare un orizzonte unico, con l’eleganza e la leggerezza della ricerca colta e destabilizzante di “un giocoliere dell’arte contemporanea”.

Alessandra Frosini

Evento correlato
Nome eventoOmaggio ad Aldo Mondino
Vernissage24/02/2018 ore 17
Duratadal 24/02/2018 al 14/04/2018
AutoreAldo Mondino
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA IL PONTE
IndirizzoVia Di Mezzo 42/B - Firenze - Toscana
Evento correlato
Nome eventoOmaggio ad Aldo Mondino
Vernissage24/02/2018 ore 11
Duratadal 24/02/2018 al 14/04/2018
AutoreAldo Mondino
CuratoreAlberto Fiz
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSANTO FICARA
IndirizzoVia Arnolfo, 6 L - 50121 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alessandra Frosini
Alessandra Frosini è critica e curatrice di mostre d'arte contemporanea. Laureata in Storia dell'Arte Medievale presso l’Università degli Studi di Firenze e specializzata in museologia e in management culturale, dal 2009 ha collaborato con musei, istituzioni, società e gallerie d'arte in Italia e all’estero per numerose mostre ed eventi, portando avanti una personale riflessione sul concetto di memoria. Scrive per testate d’arte quali ArsKey, Artribune, Espoarte, Juliet Art magazine, oltre che per cataloghi e riviste. È docente di museologia e museografia in master sull’organizzazione di eventi culturali e consulente per la compravendita di opere d’arte per privati, case d’asta e fondi d’investimento in arte. Fra le ultime collaborazioni come critico si segnala la partecipazione come giurato al Canova Art Prize di New York, mostra “Giorgio De Chirico and Giorgio Morandi. Rays of Light in Italian Modern Art” al Modern Art Museum di Shanghai, la mostra “Polixeni Papapetrou | Between worlds” per il Photolux Festival, e la doppia personale di Angelo Brescianini e Beatrice Gallori all’Aria Art Gallery di Istanbul.