L’attualità dell’antico. Lupo Borgonovo a Milano

Galleria Monica De Cardenas, Milano ‒ fino al 12 maggio 2018. Una mostra dinamica, articolata fra sculture, acquerelli su carta cinese e pastelli a olio, racconta un universo dove l’antico è tramandato e riletto con canoni moderni. Lasciandone inalterata la sostanza.

Un’aura poetica d’antico avvolge le opere di Lupo Borgonovo (Milano, 1985), dove la leggerezza impalpabile della carta di riso, che riecheggia quella delle farfalle che vi sono dipinte, si affianca alla sinuosità del bronzo e alla delicatezza del pastello. L’artista alterna elementi naturali ad altri dal sapore quasi sacro, protagonisti di rituali antichi e segreti: le farfalle della serie Agua, il guscio di tartaruga scolpito della serie Konko dialogano con i bronzi Ibu ‒ che potrebbero essere pugnali o oggetti sciamanici ‒ e con l’antica sella tedesca in avorio di Chevalon. Oggetti di cui l’artista esalta la simmetria, metafora dell’armonia cosmica che avvolge anche l’essere umano, sospeso fra la realtà, la mitologia e il microcosmo della natura.
Il senso del tempo si dilata e si sfrangia, nella commistione di antico e moderno che caratterizza queste opere, dotte metafore della necessità per l’uomo di conservare miti e tradizioni, in quanto elementi fondativi dell’identità.

Niccolò Lucarelli

Scoprite tutte le mostre, i musei, le inaugurazioni e gli appuntamenti culturali della giornata a Milano in un’unica web app: Arte Intorno, raggiungibile da telefono, tablet e computer

http://map.artribune.com/milano

Evento correlato
Nome eventoLupo Borgonovo - Alexandra
Vernissage14/03/2018 ore 18.30
Duratadal 14/03/2018 al 12/05/2018
AutoreLupo Borgonovo
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA MONICA DE CARDENAS
IndirizzoVia Francesco Viganò 4 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.