Bill Beckley e la semiotica della rosa. A Bologna

Galleria Studio G7, Bologna ‒ fino al 28 aprile 2018. Una serie fotografica dedicata al fiore per eccellenza, che nell’opera di Beckley diviene il pretesto per un racconto cinematografico fra sintetismo newyorkese e romanticismo tedesco.

Dal romanzo di Umberto Eco, dove la semantica e la suggestività della parola giocano un ruolo chiave, Bill Beckley (Hamburg, Pennsylvania, 1946) ha tratto ispirazione per costruire un proprio percorso artistico attraverso cui sezionare, analizzare e ricomporre la rosa, fiore romantico per antonomasia, soggetto oggi quanto mai abusato e banalizzato.
Fra i primi a utilizzare la fotografia come mezzo di manipolazione artistica sin dagli Anni Settanta, l’americano crea soluzioni compositive dal forte impatto visivo, esplosioni di colori come fuochi d’artificio (quasi una partitura di Beethoven), o più sobri richiami all’intimità di una serata di coppia. Il soggetto “rosa” diviene il tramite per esplorare la vastità dell’universo e la bellezza dei colori della natura. Con vena ora romantica ora più aggressiva, Beckley immerge la rosa in atmosfere ora scintillanti ora dal sapore d’acquerello. Esercizi di stile che alleggeriscono il senso di artificioso grazie a una narrativa dall’afflato cinematografico.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoBill Beckley - The name of the rose
Vernissage17/02/2018 ore 18
Duratadal 17/02/2018 al 28/04/2018
AutoreBill Beckley
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA STUDIO G7
IndirizzoVia Val D'aposa 4a - Bologna - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.