Misurazioni. Eliseo Mattiacci a Firenze

Galleria Poggiali, Firenze ‒ fino al 24 febbraio 2018. Dopo una lunga e coerente attività artistica – iniziata con le esperienze poveriste degli Anni Sessanta – fatta di mostre importanti, in Italia e all’estero, in spazi pubblici e privati, Eliseo Mattiacci va in scena a Firenze. In un percorso espositivo a cura di Lorenzo Bruni.

Misurazioni – questo il titolo della mostra ‒ prova ad analizzare il lungo percorso di Eliseo Mattiacci (Cagli, 1940) attraverso un nutrito corpus di lavori in un dialogo diretto che, se da un lato presenta opere meno recenti come Rifarsi del 1973 o Opera nel bosco del 1983, dall’altro analizza le produzioni più attuali, legate all’ultimo decennio, come Misurazione dei corpi celesti del 2003-04, Dinamica a parete o Punti luce rispettivamente del 2010 e 2011.
A far da viatico alla mostra sono il tempo e la temporalità, elementi che interferiscono, modificandole, nelle relazioni con lo spazio, che è qui inteso sia in senso fisico sia mentale.
Ne deriva pertanto una nuova percezione, una sensibilità “altra” rispetto alle cose, un inedito e poetico punto di vista dove l’ambiente non è più solo uno spazio statico, ma si trasforma in uno spazio dinamico ed esperibile da ognuno.

‒ Gino Pisapia

Evento correlato
Nome eventoEliseo Mattiacci - Misurazioni
Vernissage28/10/2017 ore 18
Duratadal 28/10/2017 al 24/02/2018
AutoreEliseo Mattiacci
CuratoreLorenzo Bruni
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA POGGIALI
IndirizzoVia Della Scala 35A - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Gino Pisapia
Classe 1981, Gino Pisapia è critico d’arte e curatore indipendente, indaga e si occupa di ricerca sulle ultimissime esperienze artistiche, vive e lavora a Firenze. Nel 2006 si è laureato in Storia dell'arte Contemporanea all'Università di Napoli, nel 2007 ha conseguito un master in Management dei Beni Culturali promosso dalla Regione Campania. Ha ideato e realizzato progetti di didattica museale integrata, nel 2008 ha scritto e diretto il documentario Astrazione Napoletana sull'opera di Renato Barisani e dal 2007 al 2010 ha collaborato con la Galleria Lia Rumma di Napoli/Milano. Ha tenuto lezioni di storia dell'arte e fatto parte di varie giurie per l'assegnazione di premi legati alla cultura e all'arte contemporanea. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati tra cui Memories; vertigine [di]segno; Tempus edax rerum; Elements; Cleo Fariselli. I suoi contributi critici sono presenti in diverse pubblicazioni. Scrive per Exibart, ArsKey e Artribune.