Il fallimento dell’utopia. Sanya Kantarovsky a Torino

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino ‒ fino al 25 febbraio 2018. L’architettura come cornice e metafora dell’epoca sovietica per una costruzione narrativa della figurazione. Tra voyeurismo, malinconia e coercizione, la pittura grottesca di Sanya Kantarovsky a Torino.

Sanya Kantarovsky. Letdown. Installation view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2017
Sanya Kantarovsky. Letdown. Installation view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2017

Muove dalle ripercussioni che l’architettura genera sulla psicologia degli abitanti del tessuto territoriale in cui sorge, il progetto di Sanya Kantarovsky (Mosca, 1982) che vede il murale di una khrushchyovka in fase di demolizione ‒ tipico condominio prefabbricato dell’era sovietica, simbolo di declino e degrado ‒ fare da struttura portante alle opere pittoriche inserite sulla facciata a mo’ di finestre aperte. Davanti a esso una serie di cherepashki, tartarughe d’acciaio dei parchi gioco, ne rafforzano il carattere di piccoli spaccati di vita quotidiana del fatiscente edificio, la cui architettura, in questo frangente, diventa metafora. Un pretesto per mettere a confronto la vita dell’epoca con quella occidentale e analizzare lo spazio emotivo dell’individuo.

AZIONI FORZATE

Provocano un forte senso di disagio, i personaggi dai gesti contorti e dai corpi rattrappiti ed emaciati che gravitano attorno all’universo dell’artista russo. Sono costretti a compiere azioni forzate, sia quando subiscono atti di sottomissione sia quando li esercitano. Giochi di dominio, forme di manipolazione e controllo e relazioni spesso ambigue dei protagonisti sono una costante del corpus di dipinti per cui sottintende un approccio voyeuristico. Si tratta di narrazioni oscure, talvolta perverse, dai toni torbidi e indefiniti. Di scene affollate dai tagli inconsueti e spesso angusti, dalle superfici frammentarie e stratificate, dove i corpi si sovrappongono e fondono tra loro e i visi altro non sono che maschere grottesche capaci di suscitare confusione e repulsione.
Il repertorio cui l’artista attinge è vasto: dal simbolismo graffiante che tanto lo accosta a Ensor e Grosz ai colori acidi e alle deformazioni tipiche del linguaggio espressionista tedesco; dall’illustrazione e dal fumetto delle avanguardie sovietiche fino all’oscuro humour kafkiano, senza trascurare l’arte popolare russa e il manierismo italiano.

Sanya Kantarovsky. Letdown. Installation view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2017
Sanya Kantarovsky. Letdown. Installation view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2017

RAPPRESENTAZIONI INSTABILI

Sanya Kantarovsky gioca con l’ambivalenza del termine Letdown, che significa delusione ma anche produzione di latte materno, titolo di una delle opere in mostra dove un bimbo, aggrappato alla schiena di una madre piegata su stessa, sofferente e implorante, ne manipola il seno alla ricerca spasmodica delle ultime gocce di latte. Imbarazzo, disagio, coercizione, malinconia e violenza, filtrati dalla componente surreale e dal linguaggio proveniente dai cartoon, non subiscono un’edulcorazione bensì concorrono a renderne ulteriormente instabile la rappresentazione e grottesco il significato. Tutto sembra rimandare al linguaggio delle mani. Quelle mani che ora applaudono a teatro e che sono le stesse che hanno percosso il fondoschiena di un bambino in Escalation, mentre in Gutted l’inquietante gigante che giace su un tavolo regge, con un solo enorme dito, il corpo esile di un ragazzo, dall’espressione triste e disincantata, che ci fissa quasi a scongiurare l’incombenza di un avvenimento infausto. E ancora mani in primo piano: quelle di una madre che strattonano il figlio sottraendolo alla presa da parte di chissà quale oscuro personaggio. Mani che dialogano, s’impongono e costringono. E che non rivelano mai fino a che punto si spingeranno.

Roberta Vanali

Evento correlato
Nome eventoSanya Kantarovsky - Letdown
Vernissage03/11/2017 ore 19
Duratadal 03/11/2017 al 25/02/2018
Autore Sanya Kantarovsky
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
IndirizzoVia Modane 16 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.