Visioni oblique. Cinque artisti a Venezia

Galleria Alberta Pane, Venezia ‒ fino al 23 dicembre 2017. Ultimi giorni per visitare la collettiva allestita negli spazi inaugurati pochi mesi fa da Alberta Pane a Venezia. Un discorso a più voci, lungo il fil rouge della visione.

Quali traiettorie segue l’occhio di un artista? E su quali piani si muove lo sguardo allenato a tradurre il reale in un linguaggio di matrice visiva? A questi interrogativi prova a dare risposta Les yeux qui louchent, la mostra, a cura di Daniele Capra, progettata per la galleria aperta a Venezia da Alberta Pane lo scorso maggio. Cinque autori, di estrazioni e provenienze diverse, compongono una riflessione organica attorno alle peculiarità dello sguardo d’artista, fatto di movimenti in controluce e di inabissamenti imprevisti, di trasparenze e superfici. La logica dello strato pervade il lavoro di Igor Eškinja, che sovrappone al portato culturale del Louvre le impronte digitali dei suoi visitatori, mentre le tele di Manuela Sedmach danno vita a paesaggi emotivi in scala di grigio, colti da un occhio sensibile alla dimensione interiore. L’idea di attraversamento è alla base dell’opera di Fritz Panzer: fili di metallo scuri definiscono sculture che avviluppano lo sguardo in un gioco di pieni e vuoti destinato a farsi anche disegno. L’intervento di Michele Spanghero agisce su un livello complementare, ricorrendo a un supporto traslucido per dare risalto alle peculiarità delle immagini, rese visibili grazie a un unico piano, etereo e insieme concreto. Chiudono il cerchio i disegni in bianco e nero di João Vilhena: osservatore e osservato incrociano le traiettorie dei propri sguardi sul limitare di una finestra, emblema voyeuristico senza tempo.

Arianna Testino

Evento correlato
Nome eventoLes yeux qui louchent
Vernissage30/09/2017 ore 14
Duratadal 30/09/2017 al 23/12/2017
AutoriIgor Eskinja, Michele Spanghero, Fritz Panzer , Manuela Sedmach, João Vilhena
CuratoreDaniele Capra
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoGALLERIA ALBERTA PANE
IndirizzoDorsoduro 2403/H, Calle dei Guardiani, 30123 - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Nata a Genova nel 1983, Arianna Testino si è formata tra Bologna e Venezia, laureandosi al DAMS in Storia dell’arte medievale-moderna e specializzandosi allo IUAV in Progettazione e produzione delle arti visive. Dal 2015 lavora nella redazione di Artribune. Attualmente dirige l’inserto cartaceo Grandi Mostre ed è content manager per il sito di Sky Arte, curato da Artribune. Nel 2012 ha pubblicato il saggio "Michelangelo Pistoletto. L'unione di vita, parole e opera" e nel 2016 "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (con Marco Enrico Giacomelli).