Rivoluzioni spaziali. Gli Ambienti di Lucio Fontana a Milano

HangarBicocca, Milano ‒ fino al 25 febbraio 2017. L’Hangar milanese fa da cornice ideale agli Ambienti spaziali di Lucio Fontana. Emblema delle rivoluzionarie teorie sullo spazio messe a punto dall’artista ormai settant’anni fa.

Lucio Fontana, Ambiente spaziale, 1967. Photo Stedelijk Museum, Amsterdam © Fondazione Lucio Fontana, Milano
Lucio Fontana, Ambiente spaziale, 1967. Photo Stedelijk Museum, Amsterdam © Fondazione Lucio Fontana, Milano

Ci sono degli artisti che non finiscono mai di sorprendere anche gli addetti ai lavori, personalità talmente straripanti che pure dopo molti anni dalla loro scomparsa riservano scoperte straordinarie. È questo il caso di Lucio Fontana (Rosario, Argentina, 1899 ‒ Varese, 1968) ai cui Ambienti spaziali HangarBicocca dedica una mostra assai interessante curata da Vicente Todolí, Marina Pugliese e dalla restauratrice Barbara Ferriani. Nove ambienti sono stati ricostruiti con acribia filologica. Sono l’esito più innovativo delle teorie sullo spazio di Lucio Fontana, che ne scrive, quando è ancora in Argentina, nel 1946, nel Manifiesto Blanco. Quindi l’arrivo nella Milano dell’immediato dopoguerra, dove, molti anni prima, aveva studiato scultura a Brera con Adolfo Wildt. È una città distrutta, ma piena di voglia di fare. Qui inizia a collaborare con Carlo Cardazzo e con la sua Galleria del Naviglio, in via Manzoni.
Ne nasce il Manifesto dello Spazialismo, che avrebbe rivoluzionato la storia dell’arte. È l’esito di una nuova rappresentazione visiva legata alle dimensioni di tempo e spazio. È il superamento della bidimensionalità della tela. Anche il ruolo dello spettatore cambia radicalmente e la mostra all’Hangar ne è prova evidente. I visitatori sono chiamati a intervenire nello spazio a viverlo, a percorrerlo.

Lucio Fontana, Fonti di energia, soffitto di neon per “Italia 61”, a Torino, 1961 © Fondazione Lucio Fontana, Milano
Lucio Fontana, Fonti di energia, soffitto di neon per “Italia 61”, a Torino, 1961 © Fondazione Lucio Fontana, Milano

UN APPROCCIO RIVOLUZIONARIO

Fontana è un uomo aperto a quanto sta succedendo anche oltre il mondo dell’arte. Comprende l’importanza della tecnica, delle tecnologie moderne. Desta una certa meraviglia quanto scrive sulla televisione all’alba del 1949.
La portata di Fontana, e la mostra all’Hangar lo dimostra appieno, non è certo solo di ambito italiano. Nel 1947, esattamente settanta anni fa, l’artista in un suo scritto parla di “forme artificiali, arcobaleni di meraviglia, scritte luminose”. Se i Concetti spaziali, i Buchi, i Tagli lasciano il mondo dell’arte senza fiato e ancora oggi non mancano di suscitare una certa sciocca ironia, a detta di Fontana, l’esito più sperimentale e innovativo delle sue ricerche sono appunto gli Ambienti spaziali.

Lucio Fontana, Ambiente spaziale con neon, 1967. Photo Stedelijk Museum, Amsterdam © Fondazione Lucio Fontana, Milano
Lucio Fontana, Ambiente spaziale con neon, 1967. Photo Stedelijk Museum, Amsterdam © Fondazione Lucio Fontana, Milano

LA MOSTRA

Nella grande mostra milanese lo spettatore, in un percorso al buio, è chiamato a prestare la sua attenzione a ogni singola opera con cui si crea un rapporto privilegiato.
L’opera che apre la rassegna è la Struttura al Neon (1951), apparato decorativo per la IX Triennale di Milano. Si tratta di una struttura fluorescente di circa 100 metri, alla quale fa seguito una sequenza cronologica di ambienti che parte dall’Ambiente spaziale a luce nera (1948-1949), presentato presso la Galleria del Naviglio a Milano nel 1949, decisamente non compreso dal pubblico di quegli anni. L’ambiente successivo, di quindici anni dopo, è stato realizzato con Nanda Vigo in cui è un tappeto di moquette rossa.
La mostra è un’occasione straordinaria di vedere opere come l’ambiente concepito per documenta nel 1968, anno della scomparsa dell’artista. Si tratta di una struttura labirintica bianca, che porta a un grande taglio sul muro, il segno dell’artista, che ne attesta il superamento fisico e concettuale: il passaggio dalla tela allo spazio con tutto quello che esso comporta.

Angela Madesani

Evento correlato
Nome eventoLucio Fontana - Ambienti/Environments
Vernissage20/09/2017 ore 19
Duratadal 20/09/2017 al 25/02/2018
AutoreLucio Fontana
CuratoriMarina Pugliese, Vicente Todolí, Barbara Ferriani
Generipersonale, arte moderna
Spazio espositivoHANGAR BICOCCA
IndirizzoVia Chiese 2 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.

1 COMMENT

Comments are closed.