Arte come metafora di pensiero. Luca Bertolo a Pistoia

Galleria SpazioA, Pistoia ‒ fino all’11 novembre 2017. Arte “di protesta” nella sobrie opere dell’artista lombardo che riflette sull’eccessivo dilagare dell’immagine come feticcio. E del suo imporsi sulla parola e il pensiero.

Spazia dal figurativo all’astrattismo, dal video all’installazione Luca Bertolo (Milano, 1968) e ognuna delle opere è inserita in un progetto di ridefinizione del linguaggio visivo, che lo pone in aperta polemica con la società dello spettacolo già demonizzata dai Situazionisti. Offuscando ritratti fotografici, voltando una tela e appendendovi un disegno infantile, passando per gli accostamenti di geometriche campiture di colore che ricordano i lavori di Poul Gernes, e omaggiando Philip Guston con un approccio fumettistico, Bertolo sembra invocare un po’ di silenzio, una pausa dal caos di suoni, voci, luci, che intasano lo sguardo e l’udito degli individui.
Ironica, sottilmente inquietante, sobria nei colori, la sua arte è pensata per cambiare prospettiva, per riportare in primo piano il concetto rispetto all’immagine, rinunciando alla logica dell’estetica, anzi cercando soluzioni che spingano il pensiero al di fuori di quanto si sta osservando.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoLuca Bertolo - Le Belle Parole / The Beautiful Words
Vernissage23/09/2017 ore 18
Duratadal 23/09/2017 al 11/11/2017
AutoreLuca Bertolo
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSPAZIOA GALLERY
IndirizzoVia Amati 13 - Pistoia - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.

1 COMMENT

Comments are closed.