Due artiste, una galleria. Keren Cytter e Nora Schultz a Milano

Galleria Raffaella Cortese, Milano ‒ fino al 23 novembre 2017. Nasce da un sodalizio umano e dall’intenzione di amalgamare, per la prima volta, due ricerche artistiche, il progetto inedito e installativo in mostra presso la galleria milanese.

Continental Break, titolo che suona come uno slang a indicare una colazione internazionale, nasce dall’incontro fra la videoartista israeliana Keren Cytter (Tel Aviv, 1977) e la scultrice tedesca Nora Schultz (Francoforte, 1975) al suo debutto in galleria. Difficile discernere realtà e finzione nel loro lavoro a tal punto che gli oggetti sembrano riconquistare dignità e scivolare dall’arte alla quotidianità e viceversa. È un allestimento concepito come una geografia collettiva, dove le silhouette dei continenti disegnati a quattro mani riflettono, in un intervallo senza fine di luci e proiezioni, identità particolari.
Sia nei video sia in MOP – Museum of Photography, un archivio costituito da 800 polaroid scattate tra Europa, Stati Uniti e Israele, Keren Cytter lavora attraverso modalità sperimentali e oniriche di sviluppo della narrazione. Al principio dell’irrealtà, seppure tramite interventi minimali su oggetti che dalla realtà provengono – tapparelle o materiali industriali ‒, si dedica anche Nora Schultz fino a estendere oltre lo spazio fisico della galleria l’enigma delle sue sculture.

Giusi Affronti

Evento correlato
Nome eventoKeren Cytter & Nora Schultz - Continental Break
Vernissage28/09/2017
Duratadal 28/09/2017 al 18/11/2017
AutoriKeren Cytter, Nora Schultz
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA RAFFAELLA CORTESE
IndirizzoVia Alessandro Stradella 7 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giusi Affronti
Giusi Affronti (Palermo, 1985) è storico dell’arte e curatore; vive a Milano e Palermo e lavora nella ricerca su linguaggi e fenomenologie della cultura visiva contemporanea. Si laurea a Palermo e, poi, trascorre due anni tra Milano e Roma per un master in Museologia, Museografia e Gestione dei Beni Culturali, dove impara a sperimentare pratiche di project management e strategie di comunicazione, marketing e fundraising applicate alla cultura. Dal 2011 si occupa di progettazione e curatela di arte contemporanea presso musei, fondazioni, gallerie e spazi indipendenti; ha collaborato con RISO. Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia (Palermo), Farm Cultural Park (Favara), Fondazione VOLUME! (Roma), Nuvole, Galleria X3, neu [nòi] - spazio al lavoro (Palermo). Ha pubblicato saggi e testi in cataloghi e pubblicazioni indipendenti. Oggi è redattore per le testate Artribune e Q Code Magazine, dove è autore di un blog di critica d’arte narrativa, “So Contemporary!”. Di un’isola (panama sulla testa e sandali ai piedi) ha sempre necessità, ché - come scrive Gesualdo Bufalino – “l’insularità, voglio dire, non è una segregazione solo geografica, ma se ne porta dietro altre: della provincia, della famiglia, della stanza, del proprio cuore”.