Roma di notte. Al via “A-ghost city [Nightwalks]”, le passeggiate serali dell’Estate Romana

Partirà la sera di Ferragosto la prima edizione di A-ghost city [Nightwalks], manifestazione che rientra nel cartellone dell’Estate Romana 2017 che proporrà un ciclo di passeggiate notturne per la Capitale. Punti di partenza delle camminate saranno le porte storiche romane, dalle quali si andrà alla scoperta della Roma “fuori le mura”, coinvolgendo il pubblico in attività artistiche e creative

Mohamed Keita, esplorazione da Porta San Giovanni
Mohamed Keita, esplorazione da Porta San Giovanni

Se di solito ad agosto i grandi centri si svuotano a vantaggio di affollate e più fresche località marittime, è anche vero che un folto numero di persone decide o è costretto a rimanere in città, cercando divertissement di tipo urbano per trascorrere il tempo libero durante il mese più caldo dell’anno. Dal 1977 a Roma si svolge l’Estate Romana, manifestazione culturale che coinvolge l’intero tessuto urbanistico della Capitale, con eventi che spaziano dalla musica, il cinema e il teatro. Da quest’anno, la kermesse si arricchisce di un nuovo progetto, che partirà la sera del 15 agosto e si protrarrà fino a giorno 31: si tratta di A-ghost city [Nightwalks], la prima estate romana “nomade”, che rientra nel programma dell’Estate Romana 2017, promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita Culturale e realizzata in collaborazione con SIAE.

Marco Passaro, esplorazione da Porta San Giovanni
Marco Passaro, esplorazione da Porta San Giovanni

ALLA SCOPERTA DI UNA ROMA NOTTURNA

L’iniziativa, curata da Stalker, collettivo di artisti e architetti soggetto collettivo che compie da anni ricerche e azioni sul territorio, con particolare attenzione alle aree di margine e ai vuoti urbani, spazi abbandonati o in via di trasformazione, e dal gruppo informale No Working, è dedicata a Renato Nicolini, uno dei promotori della prima edizione dell’Estate Romana insieme a Giulio Carlo Argan e Luigi Petroselli, consiste in un ciclo di esplorazioni notturne alla scoperta di una Roma diversa e imprevedibile. A partire dal 15 fino al 31 agosto, ogni due giorni, dalle 23.30 fino alle 7 del mattino seguente, artisti e partecipanti svolgeranno insieme sette camminate notturne che partiranno dalle sette porte storiche romane, che saranno attraversate per uscire dal centro cittadino e scoprire le aree limitrofe esterne alla cinta muraria.

Marco Passaro, esplorazione da Porta San Giovanni
Marco Passaro, esplorazione da Porta San Giovanni

LE PASSEGGIATE “CREATIVE”

Porta Portese, Porta San Paolo, Porta San Giovanni, Porta Maggiore, Porta Tiburtina, Porta Pia e Porta del Popolo saranno i punti di partenza delle passeggiate notturne, che saranno aperte gratuitamente a tutti coloro che vorranno scoprire una Roma solitamente nascosta alle luci del giorno. Abolito il concetto di pubblico, inteso come gruppo di spettatori “passivi”, ma tutti coloro che parteciperanno saranno coinvolti creativamente al progetto e all’organizzazione delle passeggiate: attraverso il sito dell’iniziativa, tutti coloro che vorranno partecipare potranno proporre idee per costruire i percorsi. Attraverso un’apposita pagina, inoltre, gli utenti potranno lasciare commenti, segnalare e proporre luoghi e azioni destinati a entrare a far parte delle camminate.

UN’INIZIATIVA FINALIZZATA AL DIALOGO E AL CONFRONTO

Gli itinerari saranno accompagnati da lezioni, performance, living monuments e danze tenute da Stalker, dalle associazioni partner 3nta, ATIsuffix, ALAgroup, Echis, Nation25, Piccoli Maestri, Seminaria sogninterra, Termini TV e dal pubblico “creativo” che caratterizzeranno le passeggiate offrendo nuove chiavi di lettura dei luoghi attraversati. Parte integrante del progetto A-ghost city [nightwalks] sarà la Scuola Serale di Urbanesimo Nomade, in collaborazione con il Master Studi del Territorio/Enviromental Humanities dell’Università Roma Tre: una scuola che coinvolge abitanti, artisti, migranti e turisti, dove tutti possono insegnare e imparare qualcosa dall’altro, attraverso il dialogo e il libero confronto.

– Desirée Maida

A-ghost city [nightwalks]
Dal 15 al 31 agosto
Roma
[email protected]

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.