Nasce il polo museale Castello di Rivoli-Collezione Cerruti:nel 2019 aprirà la nuova ala del museo

Nel 2019 sarà inaugurata villa Cerruti a poca distanza dal Castello di Rivoli con quasi 500 opere che arrivano dalla collezione dell’imprenditore torinese Francesco Federico Cerruti che le ha donate al Castello di Rivoli

Interno della villa di Federico Cerruti, Rivoli Torino, Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, Rivoli Torino, Foto Gabriele Gaidano
Interno della villa di Federico Cerruti, Rivoli Torino, Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, Rivoli Torino, Foto Gabriele Gaidano

Aprirà a gennaio 2019 il nuovo polo museale Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea – Collezione Cerruti, grazie all’importante lascito di oggetti d’arte, mobili, arredi, quadri e sculture di Francesco Federico Cerruti, imprenditore torinese di origini genovesi, scomparso nel 2015 a 93 anni. Lo ha annunciato oggi il Direttore Carolyn Christov-Bakargiev nel corso di un’affollata conferenza stampa, presieduta dal neopresidente Alberto Tazzetti al suo primo giorno di insediamento. La conferenza è stata indetta per presentare l’accordo siglato tra il suo museo e la Fondazione Francesco Federico Cerruti per l’Arte che prevede la cessione, la valorizzazione e la gestione della collezione privata.

L’ACCORDO TRA LE PARTI

Un accordo che “permette di reinventare il modello del museo di arte contemporanea, visto non più solo come luogo di opere fatte nel presente”, ha dichiarato Carolyn Christov-Bakargiev nella nostra breve videointervista, “e di renderlo capace di creare spazi di dialogo tra gli artisti e il passato”. Con un modello museale che si allinea alle grandi istituzioni internazionali di carattere enciclopedico come Metropolitan, Ermitage, Louvre che si sono dotate a suo tempo di un dipartimento di arte contemporanea, ma andando in direzione esattamente contraria. “Con questo accordo ci apprestiamo a trattare la storia come presente”, ha aggiunto il capo-curatore del Castello di Rivoli Marcella Beccaria.

LA COLLEZIONE CERRUTI

Quasi trecento opere scultoree e pittoriche che spaziano dal medioevo al contemporaneo, con capolavori di Sassetta, Pontormo, RenoirBallaKandinsky (primissimo acquisto di Cerruti agli inizi degli anni Settanta) fino a BaconBurriWarholDe Dominicis e Paolini. Oltre alle opere d’arte, la collezione vanta quasi duecento libri rari e antichi, legatorie, fondi d’oro e più di trecento mobili e arredi tra i quali tappeti e scrittoi di celebri ebanisti come il Piffetti che saranno conservati nella villa in stile provenzale di 1000 mq che lo stesso Cerruti ha fatto costruire a Rivoli nel 1967, a pochi passi dal Castello, per custodire le sue opere. La villa privata di Cerruti diventerà la sede della Collezione Cerruti nel gennaio 2019 a conclusione dei lavori di messa in sicurezza e adeguamento. “Il progetto è in fase di sviluppo”, ha spiegato in conferenza stampa Armando Baietto che, insieme a Giusi Rivoira fa parte del team di progettisti del restauro di Villa Cerruti, “andrà in appalto in autunno e i lavori dureranno dodici mesi”.

Claudia Giraud

Museo d’arte contemporanea Castello di Rivoli
Piazzale Mafalda di Savoia, 2, 10098 Rivoli TO
www.castellodirivoli.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).