Nuova sede a Londra per la Dorothy Circus Gallery di Roma che festeggia i 10 anni di attività

Lo spazio romano dedicato al surrealismo pop apre una temporary gallery di 90 giorni a Notting Hill in occasione del suo decennale con una doppia mostra celebrativa: a ottobre a Londra e a novembre a Roma. Nel futuro, un nuovo spazio in Giappone.

La Dorothy Circus Gallery a Roma
La Dorothy Circus Gallery a Roma

Dorothy Circus Gallery, lo spazio romano dedicato al lowbrow ed al surrealismo pop, ha raggiunto i dieci anni di vita e per festeggiare questo importante traguardo ha deciso di aprire temporaneamente (per 90 giorni) una seconda sede a Londra il prossimo ottobre: sorgerà in Ledbury road, la strada che si trova tra la vivace Westbourne Grove e Portobello road a Notting Hill, uno dei quartieri più piacevoli e vivibili di Londra, appena fuori dal caos del centro, pulsante di nuovi concept e locali di fascino. “La mia idea è di puntare su una zona viva, centrale ed elegante dove è piacevole trascorrere il proprio tempo londinese”, ci ha spiegato la gallerista Alexandra Mazzanti che dallo scorso settembre è fissa a Londra per lavorare a questa seconda apertura che promette di diventare stabile entro il 2018, “una zona storica che negli ultimi anni sta investendo molto su progetti di gusto raffinato e sperimentale, senza essere troppo alternativa o notturna come l’East London”.

ANCHE QUESTIONI DI MERCATO ALLA BASE DELLA SCELTA

Una scelta dettata anche da una logica commerciale: “negli ultimi 10 anni la sempre maggiore notorietà dei primi mover del pop Surrealism”, continua Mazzanti,  “e il conseguente definirsi del cerchio nel quale si trovano gli artisti fondatori, non solo di questo movimento artistico specifico, ma di tutto un linguaggio figurativo contemporaneo che ha suggerito codici e dictat a tutto il panorama dell’arte, ha portato ad un importante aumento dell’interesse dei grandi collezionisti e così delle quotazioni delle opere. Pertanto ho scelto un quartiere di target medio alto. Per la sede di Londra infatti ho curato uno show d’apertura che porterà in scena sei artisti top del movimento i cui price range vanno dalle 15.000£ alle 40.000£ una mostra di assoluti capolavori del genere, delle opere cult dal fascino irresistibile”. Da qui la decisione di sfruttare l’occasione del decimo anniversario della sua galleria romana, per organizzare una grande celebrazione con tutte le icone del pop surrealism – Kazuki Takamatsu (JP), Joe Sorren (USA), Marion Peck (USA), Ray Caesar (Regno Unito), Travis Louie (USA) e Camille Rose Garcia (USA) -, partendo proprio da Londra nell’ottobre 2017, per proseguire il mese successivo a Roma con una collettiva di 24 artisti. Pages from Mind Travellers’ Diaries, questo il titolo della mostra londinese, dove il tema del viaggio anticipa il rinnovato mood della DCG, nel colore della sala (“abbandoniamo il rosso della passione per il sacre bleu della spiritualità”) e in parte anche nei futuri progetti: “ho infatti in programma per i prossimi anni una temporary in Giappone”, conclude Mazzanti, “e altre destinazioni per ora solamente da sognare”.

– Claudia Giraud

Pages from Mind Travellers’ Diaries
October 13th to December 15th 2017
Dorothy Circus Gallery,
79-81 Ledbury Rd. London W112AG

http://www.dorothycircusgallery.com/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).