Indagare lo spazio. Natalino Tondo a Milano

Galleria Davide Gallo, Milano – fino al 4 luglio 2017. Una sintesi della ricerca di Natalino Tondo nella sua prima retrospettiva, ospite della galleria milanese.

Natalino Tondo, Spazio n dimensionale XIV, 1988
Natalino Tondo, Spazio n dimensionale XIV, 1988

La Galleria Davide Gallo ospita la prima mostra retrospettiva di Natalino Tondo (Salice Salentino, 1938 – Lecce, 2017), artista salentino recentemente scomparso. L’esposizione si concentra sulle modalità di rappresentazione dello spazio che hanno contraddistinto il periodo centrale della produzione dell’artista, dagli Anni ’60 agli Anni ’80. Nelle prime opere, gli assemblaggi di materiale industriale e l’uso della fotografia riportano a una volontà oggettivizzante che, partendo dalle tracce del reale, descrive il paesaggio dell’epoca, restituendone i tratti essenziali.
Nelle opere degli Anni ’80, dipinti su tela di grandi dimensioni, il processo di astrazione richiama una dimensione insieme introspettiva e concettuale, in cui la nitidezza delle geometrie e la luminosità dei colori apre a nuovi mondi possibili. L’esperienza dello spazio viene quindi ricondotta alla ricostruzione interiore, dove la gravità del mondo fisico si trasforma in lieve incontro di linee senza peso.

Andrea Lacarpia

Evento correlato
Nome eventoNatalino Tondo - Spazio n-dimensionale
Vernissage18/05/2017 ore 18
Duratadal 18/05/2017 al 04/07/2017
AutoreNatalino Tondo
CuratoreLorenzo Madaro
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA DAVIDE GALLO
Indirizzovia Farini 6 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Andrea Lacarpia
Laureato in Pittura all'Accademia di Belle Arti di Brera, si occupa d’arte contemporanea come curatore e critico. Ha curato diverse mostre in spazi pubblici, gallerie private e associazioni. Dalla fine del 2012 dirige Dimora Artica, realtà non profit e progetto curatoriale dedicato alle connessioni tra arte contemporanea e cultura tradizionale. Dal 2015 collabora con Progetto Città Ideale come direttore artistico di Edicola Radetzky, edificio storico rigenerato come spazio espositivo.